Valutazione del merito creditizio: cos’è e come si calcola?

Valutazione del merito creditizio: come influisce sulla concessione di un prestito

Nel momento in cui un consumatore privato o un’azienda si rivolgono ad un istituto di credito per ottenere liquidità si apre la cosiddetta fase di istruttoria durante la quale la banca, prima di concedere o meno il finanziamento, si riserverà alcuni giorni per valutare la fattibilità dell’operazione, analizzando il cosiddetto merito creditizio del cliente (all’estero si parla di credit score). Infatti le banche non sono obbligate a concedere un finanziamento (prestito o mutuo che sia) a chiunque lo richieda, ma

l’erogazione di un prestito è sempre a discrezione dell’istituto di credito, che effettuerà la sua scelta in base alle sue politiche interne e, appunto, in seguito ad un’attenta valutazione del merito creditizio del potenziale debitore.

tabella istruttoria

Indice

Cos’è e perchè è obbligatorio valutarlo?

Il merito creditizio di un consumatore o di un’impresa rappresenta la capacità che il cliente ha di rimborsare al creditore l’importo richiesto.

L’obbligatorietà della valutazione dell’affidabilità del potenziale debitore da parte degli istituti di credito è stata stabilita nel 2010 dall’accordo di Basilea 3 per tre importanti motivazioni:

  1. tutela dell’intero sistema bancario; la concessione di prestiti “a perdere”, ovvero che risultano nel tempo non recuperabili, limita enormemente la liquidità a disposizione delle banche mettendo a lungo andare a rischio la possibilità di erogare prestiti a chi invece ha tutte le carte in regola per ottenerli e rimborsarli;
  2. tutela del cliente; da un lato si aiuta il consumatore ad evitare di andare incontro ad un sovraindebitamento, dall’altro si impedisce alle banche di ricorrere alla pratica scorretta di approfittare dei clienti “deboli” erogando mutui ipotecari con lo scopo di guadagnarci in seguito con la vendita dell’immobile all’asta grazie alla prevedibile insolvenza;
  3. tutela del mercato finanziario mondiale; essendo molto comune la pratica della “cartolarizzazione” (le banche, per vedere un più rapido rientro della liquidità, usano vendere i loro crediti ad investitori terzi trasferendo a quest’ultimi il rischio legato al finanziamento ceduto), attraverso l’obbligatorietà della valutazione del merito creditizio si evita che vengano immessi sul mercato internazionale prodotti apparentemente sicuri che invece finiscono per rivelarsi a rischio mettendo in difficoltà l’intero sistema.

Come si calcola il merito creditizio?

punti di domanda

I parametri presi in considerazione per effettuare una valida valutazione del merito creditizio di un soggetto variano a seconda che si stia parlando di un’azienda o di un privato consumatore.

Nel caso di un’azienda o di un’impresa gli aspetti da controllare e da mettere in relazione tra loro sono numerosi e complessi:

  • livello di indebitamento del richiedente;
  • rapporto tra indebitamento e flussi di reddito (in entrata e in uscita);
  • reddito e suo mantenimento in futuro (stabilità);
  • eventuale presenza di insoluti precedenti;
  • presenza di fonti finanziarie o patrimoniali aggiuntive;
  • finalità del finanziamento;
  • garanzie addizionali.

Nel caso di un consumatore privato, invece, gli elementi da analizzare sono meno numerosi e viene meno l’importanza data alla finalità del finanziamento, essendo legato al consumo e quindi comunque utile per l’economia. In tal caso, dunque, si prenderà in considerazione esclusivamente la capacità di rimborso (reddito e stabilità) e la presenza o meno di segnalazioni passate nelle banche dati.

In seguito all’analisi di tutti questi fattori, al potenziale cliente viene attribuito un punteggio di merito, espresso in lettere, in base ad una specifica graduatoria detta Rating. Più è alto il merito creditizio ottenuto, minore è il rischio dell’operazione finanziaria e quindi minore sarà il costo applicato al finanziamento. Viceversa, più basso è il merito creditizio del cliente, maggiore è il rischio dell’operazione e quindi maggiore sarà il costo del finanziamento, sempre se l’istituto di credito interpellato decida comunque a favore della fattibilità della pratica senza rigettarla.

immagini di timbro con tripla A

I punteggi comunemente usati per indicare il merito creditizio sono i seguenti:

  • AAA sicurezza elevata;
  • AA sicurezza;
  • A ampia solvibilità;
  • BBB solvibilità;
  • BB vulnerabilità;
  • B elevata vulnerabilità;
  • CCC rischio;
  • CC rischio elevato;
  • C rischio molto elevato.

Cosa si intende per capacità di rimborso?

E’ la disponibilità reddituale del potenziale debitore su cui il creditore può fare mensilmente affidamento per il rimborso delle rate del finanziamento.

Un reddito non è come un altro. Ad esempio gli istituti di credito valutano solitamente più solido un reddito che deriva da un contratto statale o dalla pensione rispetto a quello di un dipendente privato o di un lavoratore autonomo. Allo stesso modo ad un contratto di lavoro a tempo indeterminato viene attribuito un punteggio più alto rispetto ad uno a tempo determinato o di altra tipologia più flessibile.

Inoltre viene preso in esame anche la presenza di eventuali finanziamenti in corso che possono influire negativamente sul reddito effettivamente a disposizione.

Cosa sono le banche dati creditizie?

Ogni volta che una banca o una finanziaria erogano e concludono un finanziamento o incontrano problemi nel recupero del credito concesso, tali informazioni vengono segnalate ad archivi pubblici e privati detti SIC (Sistemi di Informazioni Creditizie), costantemente aggiornati.

Nel momento in cui un ente creditizio, in seguito ad una richiesta di finanziamento, apre la fase di istruttoria, tra le numerose verifiche che effettua c’è anche la consultazione di queste banche dati, in cui è possibile ottenere una certificazione della storia creditizia di chiunque in passato abbia già avuto accesso al credito. Potrà quindi farsi un’idea precisa dell’attuale esposizione debitoria del potenziale cliente e della puntualità o meno dei pagamenti mostrata nei precedenti rimborsi. Ciò permette quindi alle banche di esporsi anche con i nuovi clienti, di cui non ha una conoscenza diretta.

In Italia c’è sia un SIC pubblico (quello della Banca d’Italia) che diversi privati (Experian, Crif, Assilea e Consorzio Tutela Credito). Le informazioni in essi contenute sono strettamente riservate ed accessibili solo ai diretti interessati ed agli enti creditori a cui il cliente ha presentato formale domanda di finanziamento. Inoltre i dati custoditi nei SIC vengono conservati per un tot di tempo (max. 60 mesi), dopodichè saranno cancellati secondo le tempistiche previste dalla normativa vigente. Questo per far sì che chi in passato possa aver avuto problemi di insolvenza non venga marchiato a vita ma, in seguito a successivi comportamenti virtuosi, possa in futuro accedere al credito nuovamente con semplicità.

loghi sic privati italiani

Infine va ricordato che il consumatore ha il diritto:

  • di essere tempestivamente informato quando sta per essere segnalato in seguito ad un primo ritardo nel pagamento di una rata, così da poter saldare il dovuto rapidamente evitando la segnalazione;
  • di accedere gratuitamente ai dati che lo riguardano presenti nei SIC e di richiederne la cancellazione, se non già effettuata, di quelli per i quali sono decorsi i tempi di conservazione e la correzione di quelli eventualmente inesatti, al fine di potersi presentare al meglio delle sue possibilità all’istituto di credito presso cui intende chiedere un finanziamento.

(Approfondimento: Cancellazione Crif)

Merito creditizio, Decreto Liquidità e Cura Italia

In seguito alle restrizioni nazionali e alle chiusure delle attività non essenziali che lo Stato ha dovuto imporre per arginare la diffusione del Coronavirus, l’economia Italiana è entrata in sofferenza. Lo Stato allora ha cercato di sostenere i settori più colpiti con i Decreti Cura Italia e Liquidità, intorno ai quali si è creata però un po’ di confusione. Erroneamente è infatti passata, anche attraverso i media, l’idea che tali decreti permettano di accedere al credito anche alle aziende con un merito creditizio inadeguato. Questo è sbagliato, infatti

anche nel caso in cui si usufruisca delle agevolazioni previste dallo Stato resta in vigore tutta la normativa vigente relativa all’obbligatorietà della valutazione del merito creditizio.

Ciò che è stato semplificato non è l’accesso al credito ma l’accesso alla garanzia pubblica sul credito (Fondo PMI).

(Approfondimento: Coronavirus Prestiti)

Approfondisci

Prestito rotativo: non solo carte revolving

Prestito rotativo: scopri tutto quel che c’è da sapere

Se ti è capitato di sentir parlare di prestito rotativo ma non ti è chiaro di cosa si tratti continua a leggere il seguente articolo: ti fornirò tutte le informazioni che cerchi a riguardo.

Indice

Cos’è e come funziona?

disegno di monete e punto interrogativo

Per prestito (o credito) rotativo si intende una particolare linea di credito concessa da una banca o da una finanziaria ad un suo cliente in seguito ad una tradizionale valutazione creditizia. Ciò che lo differenzia da un comune finanziamento è il fatto che:

  • il rimborso rateale mensile avrà inizio solo nel momento in cui il cliente deciderà di utilizzare, in parte o in toto, il credito concesso e gli interessi saranno applicati solo sulla parte effettivamente utilizzata;
  • la quota capitale di ogni rata rimborsata andrà a ricostituire il plafond concesso in partenza (ecco perché è detto “rotativo”), così che il beneficiario di tale forma di prestito potrà attingere nuovamente alla medesima linea di credito senza dover effettuare una nuova richiesta di prestito e senza quindi dover sottostare ad un’ulteriore fase di istruttoria da parte della banca in questione;
  • non è possibile stabilire in anticipo la durata del rimborso perchè la flessibilità di utilizzo comporta la frequente aggiunta di nuovi acquisti rateizzati e quindi il continuo prolungarsi del piano di rimborso, spesso costituito da rate fisse di minimo importo;
  • il plafond concesso è a discrezione della banca che lo stabilirà dopo un’accurata indagine reddituale e creditizia.

Si tratta quindi di un prodotto finanziario che presenta molte analogie con l’apertura di credito in conto corrente (o fido bancario), con la differenza che il prestito rotativo non è necessariamente erogato dall’istituto di credito presso cui si è titolari del conto e non è obbligatoriamente un prodotto ad esso collegato. Inoltre nel prestito rotativo c’è l’obbligo dei rimborsi mensili che invece non troviamo nel fido, in cui invece i tempi di rimborso sono a discrezione dell’affidato.

Al momento della richiesta è opportuno valutare con attenzione le condizioni economiche applicate in quanto la comodità di avere sempre a disposizione un credito a cui attingere senza alcun preavviso ha inevitabilmente il suo costo.

Attenzione quindi non solo al TAN indicato sul foglio informativo ma soprattutto al TAEG, il valore che indica non solo il tasso di interesse applicato alle somme utilizzate ma anche l’incidenza di tutti i costi accessori (spese di incasso rata, imposta di bollo, gestione pratica) che possono rendere il credito rotativo anche piuttosto salato.

Carte revolving

immagine di carta revolving

La forma più tipica di credito rotativo è rappresentata dalle cosiddette carte di credito revolving, ovvero quelle carte di credito che non solo ti anticipano (nei limiti del plafond concesso) il denaro necessario per effettuare i tuoi acquisti nell’arco del mese in corso ma che ti offrono anche la possibilità di rateizzarne il rimborso con l’applicazione degli interessi pattuiti nel contratto.

Le rate mensilmente versate andranno a ricostituire il saldo a disposizione presente sulla carta.

Tali carte di credito possono essere richieste presso qualsiasi banca o finanziaria che le presenti in catalogo (eventualmente anche per i non correntisti), oppure online presso il sito ufficiale dell’istituto emittente (come ad esempio avviene con Carta Blu e Carta Explora American Express). La concessione può essere più semplice e veloce se si effettua la domanda presso una banca di cui si è già clienti in quanto l’istituto in questione sarà già in possesso di informazioni sia sullo storico reddituale che sulla puntualità nei rimborsi del richiedente.

In ogni caso, comunque, è necessario allegare alla domanda i seguenti documenti:

  • copia fronte/retro di un documento d’identità valido;
  • copia del codice fiscale o della tessera sanitaria;
  • documento attestante il reddito percepito (busta paga per i lavoratori dipendenti, dichiarazione dei redditi per i lavoratori autonomi, cedolino della pensione per i pensionati).

Ogni istituto di credito, se lo ritenesse necessario, potrà poi richiedere ulteriori documentazioni, ad esempio per verificare la residenza del richiedente.

Nella stragrande maggioranza dei casi l’addebito delle rate mensili avverrà sul conto corrente del richiedente, quindi la titolarità di un conto bancario o postale è spesso un requisito imprescindibile, anche se non mancano le eccezioni, ovvero carte revolving i cui rimborsi possono essere effettuati attraverso il pagamento di semplici bollettini postali (come ad esempio Carta Aura Findomestic).

Spesso le carte di credito revolving, oltre agli interessi, prevedono un canone mensile o annuo il cui importo sale con l’aumentare del plafond concesso e con la presenza di eventuali servizi accessori esclusivi a cui danno accesso. Anche in questo caso, però, non mancano le eccezioni come ad esempio AgosPay Zero e Carta Easy Compass, entrambe senza canone.

Attenzione: il fatto che una carta revolving non abbia il canone, non la rende automaticamente più conveniente di una che invece lo prevede. Occorre sempre confrontare i TAEG per valutare correttamente al momento della scelta.

Altre forme di prestito rotativo

Ultimamente il prestito rotativo sta diventando accessibile alla clientela retail anche attraverso forme alternative alle carte revolving, ovvero come servizio accessibile ai titolari di determinate carte prepagate con iban oppure ai correntisti di alcune banche.

Il funzionamento di base è sempre lo stesso, ciò che varia di volta in volta sono i requisiti richiesti, le modalità da seguire per ottenerlo e, ovviamente, le condizioni economiche applicate.

Facciamo qualche esempio.

Minicredito Compass Pay

disegno di caraffa che versa gocce di euro

I titolari della Conto&Carta CompassPay, la carta prepagata ricaricabile con Iban emessa da Compass, possono richiedere in filiale il Minicredito, ovvero una linea di credito rotativo collegata alla carta. Il plafond concesso è di 1.500€ ed è utilizzabile sia per effettuare acquisti e pagamenti sia, previa richiesta, per trasferirlo in parte o totalmente sul saldo della carta-conto. Il credito di volta in volta utilizzato sarà rimborsato tramite rate fisse mensili di 50€ o 100€, la cui quota capitale andrà a ricostituire il plafond originale. La messa a disposizione del servizio ha un costo annuale di 20€ e prevede un TAN 16% e un TAEG max. di 23,30%.

(Data di rilevazione: 03/07/2020; Fonte: sito ufficiale Compass)

Credit boost Hype

schermata credit boost

I titolari delle carte prepagate con iban Hype Plus e Hype Premium in possesso dei requisiti minimi potranno richiedere Credit Boost direttamente dall’omonima app. Si tratta di una linea di credito rotativo di 2.000€ a cui attingere all’occorrenza trasferendo sul saldo della propria carta il contante indicato e rimborsando quanto prelevato in un numero di rate a scelta da 3 a 12. E’ previsto un costo una tantum di 5 € all’attivazione del servizio mentre ad ogni utilizzo saranno previamente evidenziati TAN e TAEG applicati.

(Data di rilevazione: 03/07/2020; Fonte: sito ufficiale Hype)

My Instant Credit Widiba

In questo caso si tratta di una linea di credito rotativo concessa da Widiba by Findomestic ai suoi correntisti in possesso di determinati requisiti. My Instant Credit si richiede velocemente online, offre un plafond di 1.500€ e permette di avere fino ad 5 rateizzazioni in corso. Per il rimborso è possibile scegliere tra 3, 6, 9 o 12 rate (TAN 10,68%, TAEG 11,22%).

(Data di rilevazione: 03/07/2020; Fonte: sito ufficiale Widiba)

Ricariconto UbiBanca

Anche i correntisti Ubi possono richiedere dall’app o dall’internet banking il credito revolving Ricariconto, che offre un plafond di 5.000€. Si potrà così selezionare dalla propria lista movimenti, anche accorpandole insieme, le spese che si desidera rateizzare (importo minimo 250€). Non son sono previsti canone, costi di attivazione né interessi, solo una commissione fissa variabile in base all’importo selezionato e alla durata della rateizzazione che può andare da 3 a 25 mesi (TAN 0%, TAEG max. 15,71%).

(Data di rilevazione: 03/07/2020; Fonte: sito ufficiale Ubi Banca)

Approfondisci

Comprare a rate Amazon: come funziona e quanto costa?

Comprare a rate Amazon: chi può usufruirne?

logo amazon

Amazon, il colosso statunitense del commercio online, è un punto di riferimento per gli acquirenti di tutto il mondo, Italia compresa: coniuga varietà di scelta, comodità e convenienza, oltre ad offrire un ottimo servizio di assistenza post vendita, con la possibilità di restituire un qualsiasi acquisto non pienamente corrispondente alle nostre aspettative. L’unico punto a suo sfavore, fino a poco tempo fa, era l’obbligo di dover pagare sempre e comunque in un’unica soluzione, anche se l’importo in questione era importante, come ad esempio nel caso dell’acquisto di un televisore, di un computer o di una lavatrice. In tali situazioni, se pure Amazon offrisse un prezzo più basso rispetto al nostro negozio fisico di riferimento, spesso (è capitato anche a me) si finiva per acquistare comunque presso il rivenditore fisico solo perché capace di proporci un pagamento rateale, con buona pace della convenienza. Ma Bezos ultimamente ha rimescolato le carte in tavola introducendo la possibilità di comprare a rate anche sul noto sito di e-commerce. Se vuoi saperne di più, continua a leggere il seguente articolo: ti fornirò tutte le info utili a riguardo.

Indice

Di cosa si tratta?

immagine di computer da cui esce un pacchetto amazon

Partiamo col precisare di cosa non si tratta: non ci troviamo di fronte ad una forma di finanziamento in quanto Amazon non è una banca o una finanziaria, quindi non potrebbe erogare in prima persona tale servizio, nè ha stretto convenzioni con istituti di credito per fungere da intermediario del credito. Ciò che offre Amazon è in realtà una

dilazione di pagamento senza applicazione di interessi o altri oneri,

così come previsto dall’articolo 122 (comma 5) del TUB.

Chi può usufruirne e su quali categorie di prodotti?

Attualmente il servizio è rivolto ai soli clienti residenti in Italia, con un account Amazon attivo da almeno un anno e che presenti un’ottimale cronologia dei pagamenti, ovvero senza ritardi e problemi a riguardo in passato. L’account deve inoltre essere collegato ad una carta di debito o di credito attiva, che scada almeno 20 giorni dopo il pagamento dell’eventuale ultima rata prevista. Sono accettati i circuiti Visa, Mastercard e American Express. Non è possibile invece usufruire del servizio addebitandolo su una carta prepagata. Non si tratta quindi di un’opzione di pagamento rivolta a tutti: ad esempio non possono accedervi neppure i proprietari di partita IVA con account Amazon Business.

E non tutti i prodotti presenti su Amazon possono essere pagati a rate. Il servizio è infatti limitato soltanto a prodotti nuovi di determinate Categorie (come ad esempio “Elettronica” e “Informatica”) o ai dispositivi Amazon nuovi o ricondizionati, appartenenti a diverse Famiglie, come “E-reader Kindle”, “Tablet Fire” o “Dispositivi per Alexa”. Inoltre i prodotti in questione devono essere necessariamente venduti e spediti da Amazon. Individuare tali articoli, in realtà, è piuttosto semplice:

se l’opzione è prevista, questa è chiaramente esposta nel riquadro delle modalità di pagamento presente nella pagina di descrizione del prodotto stesso.

riquadro modalità pagamento amazon

A tanti non farà piacere sapere che sono esclusi dalla possibilità di dilazione tutti i prodotti Amazon Warehouse Deals.

Come funziona?

rappresentazione cinque rate amazon

Una volta scelto il prodotto che si intende acquistare a rate, occorrerà selezionare tale modalità di pagamento e procedere poi alla conclusione dell’ordine. La dilazione di pagamento sarà automaticamente attivata secondo la seguente procedura:

  • l’importo dell’articolo sarà ripartito in 5 rate di pari importo. Se ciò non è possibile, l’ultima rata potrà avere un importo leggermente superiore o inferiore alle altre;
  • l’IVA prevista sarà ripartita tra tutte e cinque le rate mentre solo sulla prima saranno addebitate eventuali spese di spedizione o per confezione regalo (se richiesta);
  • non sarà applicato alcun interesse;
  • la prima rata sarà automaticamente addebitata al momento della spedizione dell’articolo, mentre le successive avranno cadenza mensile, fino al pagamento dell’ultima.

Attenzione ad assicurarti che la carta collegata al tuo account sia attiva, in quanto se Amazon dovesse incontrare problemi nell’incassare il dovuto potrà intervenire dopo le opportune segnalazioni, ad esempio disabilitando l’uso del dispositivo Alexa acquistato a rate, rendendolo di fatto inutilizzabile.

Quante volte posso usufruire del pagamento a rate su Amazon?

disegno di tre punti interrogativi

E’ possibile procedere all’acquisto con dilazione di pagamento di massimo 1 prodotto idoneo nuovo di qualunque Categoria, oppure di massimo 3 dispositivi Amazon per Famiglia. Per poter effettuare nuovi acquisti a rate occorre aver completato il pagamento di una delle precedenti dilazioni, rispettando sempre il numero massimo per Categorie e Famiglie. Nel caso in cui non si voglia attendere, ad esempio per poter cogliere al volo un’offerta a tempo, allora si potrà procedere all’estinzione della rateizzazione in corso, possibile in qualunque momento e senza alcun costo aggiuntivo dall’apposita sezione del tuo account, e procedere poi al nuovo acquisto dilazionato.

Cosa accade in caso di reso o di sostituzione dell’articolo?

immagine di pacco da restituire ad amazon

Una degli aspetti più amati dai clienti Amazon è sicuramente la politica di reso applicata dal colosso statunitense, che permette di restituire facilmente qualsiasi acquisto non pienamente soddisfacente. Cosa accade, però, se si desidera rendere indietro un prodotto acquistato a rate? Non c’è alcun problema:

il pagamento rateale sarà annullato e ti verranno interamente rimborsate le rate versate sino a quel momento, senza perdite né costi aggiuntivi.

Nel caso in cui ti trovassi invece a dover ricorrere alla garanzia legale poiché l’articolo si rivela col tempo difettoso, è compito della casa produttrice provvedere tramite il suo servizio di assistenza ad una riparazione o sostituzione del prodotto danneggiato, mentre Amazon non ha responsabilità a riguardo. L’obbligo del pagamento con Amazon resterà dunque invariato e continuerai a versare regolarmente il dovuto fino all’estinzione della quinta ed ultima rata.

Opinioni

Con l’introduzione del pagamento a rate, Bezos ha reso ancora più appetibile acquistare su Amazon, anche i prodotti più costosi. Ad esempio, uno smartphone di fascia media da 300€ potrà essere facilmente acquistato in 5 comode rate da 60€ ciascuna, senza dover presentare busta paga o altri documenti di reddito. Basta avere una carta di credito o, ancora più semplicemente, un conto corrente con bancomat. Ovviamente ci sono delle limitazioni e per tutelarsi da eventuali mancati pagamenti Amazon effettua una selezione a monte dei clienti meritevoli ai quali proporre il servizio, però per chi si guadagna la fiducia del colosso statunitense effettivamente si apre un modo ancora più smart di fare shopping online.

(Approfondimento: Pagodil)

Approfondisci

Coronavirus prestiti: come sospenderli o richiederne di nuovi

Coronavirus prestiti: cosa prevedono i nuovi decreti per privati ed aziende

L’esplosione della pandemia da Covid-19 che ha colpito a ciel sereno l’Italia a partire dal 21 febbraio 2020 ha comportato la necessità di fronteggiare non solo un’emergenza sanitaria senza precedenti nella storia delle nostra Repubblica Italiana, ma anche una non meno grave emergenza economica, figlia delle necessarie restrizioni sociali imposte dal governo con l’obiettivo di rallentare il più possibile la diffusione del virus.

Mentre negli ospedali migliaia di italiani lottano tra la vita e la morte, negozi, fabbriche e attività impossibilitati ad attuare lo smart working sono costretti a chiudere fino a data da destinarsi, senza più poter contare sugli introiti abituali. Tanti i posti di lavoro perduti, tante le famiglie improvvisamente senza un reddito su cui contare. Di fronte a questa catastrofica situazione, il governo ha cercato di sostenere le categorie più colpite attraverso una serie di decreti ad hoc: il Cura Italia del 17/03/2020 e il Decreto Liquidità del 08/04/2020, che prevedono moratorie e garanzie a favore dei privati o delle aziende che possano dimostrare di essere state coinvolte dalla crisi dovuta al Covid 19.

Nel seguente articolo cercherò di fornire agli interessati una panoramica circa le possibili agevolazioni di cui si può attualmente usufruire, sia dal punto di vista dei privati consumatori che da quello delle aziende o dei lavoratori autonomi.

Indice

Privati consumatori

disegno di un consumatore preoccupato

Quanti italiani possono affermare di non avere in corso nemmeno un prestito? Pochi, perchè negli ultimi anni il ricorso al credito al consumo è aumentato notevolmente anche per sovvenzionare l’acquisto di beni non proprio di prima necessità come smartphone, arredamento o vacanze. Anche il più responsabile dei consumatori potrebbe però oggi, a causa della crisi economico-sanitaria scatenata dal Covid 19, trovarsi in serie difficoltà a restituire il dovuto alle banche o finanziarie con cui ha in passato acceso un finanziamento o un mutuo per l’acquisto della prima casa.

Il Decreto Cura Italia prevede a favore dei privati agevolazioni relative al rimborso dei mutui accesi in passato per l’acquisto dell’immobile di residenza: in virtù del “Fondo Solidarietà per i mutui prima casa” (Fondo CONSAP), potranno richiedere la sospensione dei pagamenti da 6 fino ad un massimo di 18 mesi, in proporzione ai giorni di lavoro sospeso o con orario ridotto. Tale agevolazione è infatti estesa anche ai lavoratori dipendenti che hanno visto sospendere o ridurre di almeno il 20% il proprio orario lavorativo per almeno 30 giorni ed ai lavoratori autonomi o ai liberi professionisti che abbiano subìto, in seguito al coronavirus, un dimostrabile decremento degli introiti, rispetto all’ultimo trimestre del 2019, superiore al 33%.
Il Decreto prevede inoltre un’ulteriore agevolazione: il Fondo Consap provvederà al pagamento del 50% degli interessi compensativi di sospensione maturati sul debito residuo.
Attenzione però: nella maggior parte dei casi per usufruire di tali agevolazione è richiesto dagli istituti di credito coinvolti che il mutuatario sia un soggetto performing, ovvero senza sofferenze o inadempienze prima dell’emergenza di Covid-19. Per maggiori info su requisiti e modalità di presentazione della domanda di sospensione del mutuo presso il proprio ente creditore, si consiglia di consultare il sito ufficiale del MEF .

Nel Decreto però nulla si dice a riguardo del pur diffusissimo credito al consumo. Chi dovesse avere difficoltà a sostenere le rate dei comuni prestiti (personali o finalizzati) dovrà quindi necessariamente contattare l’ente creditore e cercare un compromesso. Non essendoci linee guida imposte dall’alto, le varie banche e finanziarie si stanno comportando diversamente le une dalle altre, ma per lo più vige il principio di valutare caso per caso. Alcune finanziarie stanno venendo incontro ai loro clienti facendo pagare in questi mesi di emergenza solo la quota interessi delle rate, altre consigliano di usufruire delle eventuali opzioni di flessibilità previste nel contratto (Salta Rata o Cambia Rata), altre ancora potrebbero decidere di sospendere il rimborso per due o tre mesi. In tutti i casi occorre però fare attenzione ad eventuali costi accessori collegati alle agevolazioni concesse. Nel prossimo Decreto Aprile dovrebbe comunque essere colmato l’attuale vuoto legislativo a riguardo alle difficoltà di rimborso del credito al consumo ai tempi del Coronavirus.

Diverso è il discorso per quanti hanno invece in corso una cessione del quinto. Infatti, essendo una tipologia di prestito accompagnata per legge dalla copertura assicurativa, nei casi più gravi provvederà la polizza a restituire il debito, altrimenti in caso di riduzione del reddito percepito, le rate si adegueranno ad esso in quanto la mensilità dovuta non può per legge superare il quinto dello stipendio netto. Ma attenzione, le varie quote tagliate dalle rate non saranno condonate ma messe in coda a fine finanziamento con un conseguente allungamento della durata del rimborso.

(Approfondimento: Sovraindebitamento)

Imprese, professionisti e lavoratori autonomi

immagine di saracinesca chiusa per coronavirus

Il Decreto Cura Italia offre alle micro, piccole e medie imprese in difficoltà a causa dell’attuale emergenza sanitaria la possibilità di richiedere la sospensione fino al 30/09/2010 del pagamento di prestiti e mutui rivolgendosi direttamente presso l’istituto di credito interessato e presentando la documentazione richiesta.
Il Decreto Liquidità ha inoltre potenziato il Fondo di Garanzia per le PMI e i professionisti con partita IVA semplificandone l’accesso burocratico. Infatti, presentando l’apposito modulo compilato in ogni sua parte, sarà possibile accedere a prestiti fino ad un massimo del 25% dei ricavi e comunque fino ad un massimo di 25.000€, con istruttoria veloce, quindi in tempi brevissimi, godendo di una garanzia statale automatica pari al 100%. La copertura della garanzia statale si riduce al 80% per importi superiori. Sui giornali tale forma di prestito è stata pubblicizzata come “senza istruttoria” ma non è corretto, in quanto, ai fini dell’erogazione, è comunque necessario essere in possesso dei requisiti minimi richiesti dalla banca a cui ci si rivolge.

Anche le grandi imprese potranno usufruire di prestiti garantiti dallo Stato grazie all’intervento della SACE, società per azioni del gruppo italiano Cassa Depositi e Prestiti (CDP). Potranno accedervi tutte le aziende con sede in Italia che a fine dicembre 2019 non presentavano problemi economici e che invece possano dimostrare di aver ultimamente subito danni economici a causa dell’emergenza sanitaria in corso. Inoltre devono già avere utilizzato per intero la quota messa a disposizione dal Fondo Centrale di Garanzia. In questo caso l’istituto di credito sarà tenuto ad aprire una regolare fase di istruttoria. L’importo massimo richiedibile non deve superare il 25% del fatturato dichiarato relativamente al 2019 o, in mancanza di un bilancio, non può superare il doppio di quanto speso nel 2019 per i salari dei dipendenti. Quanto richiesto dovrà essere utilizzato secondo le limitazioni previste dal decreto e rimborsato in massimo 6 anni, con piani di preammortamento fino a 24 mesi. La garanzia statale coprirà dal 70% al 90% dell’importo in base al fatturato e al numero di dipendenti dell’azienda in questione.

Le modalità di richiesta di tali finanziamenti alle imprese sono ancora in via di definizione. Per maggiori dettagli e aggiornamenti si consiglia di visitare frequentemente il sito ufficiale del MEF e quello della propria banca di riferimento.

(Data rilevazione informazioni: 17/04/2020)

Approfondisci

Polizza CPI – Quanto costa e perchè conviene?

Polizza CPI – Perchè conviene?

Quando si decide di accendere un finanziamento, o ancor più un mutuo, ovviamente ci si concentra soprattutto sulla ricerca delle migliori condizioni economiche offerte tra quelle in circolazione. Ed è giusto cercare di ottenere il massimo al minor costo possibile, ma questo non deve far trascurare un altro aspetto quando ci si “indebita”e soprattutto quando la durata del finanziamento è particolarmente lunga: la tutela della propria capacità futura di rimborso.

Una cosa è, infatti, firmare per un piccolo prestito da rimborsare in 12/24 mesi, ben altra quando ci impegniamo a rimborsare mensilmente cifre importanti per 20 o addirittura 30 anni, come avviene nei mutui. Si parla di un lasso di tempo enorme, in cui effettivamente può succedere di tutto, sia a livello lavorativo, soprattutto oggigiorno, che a livello di salute.

Ed a maggior ragione chi ha famiglia vuole dormire sonni tranquilli tutelando i propri cari in caso di imprevedibili, ma pur sempre possibili, problemi futuri. Ed è qui che entrano in gioco le polizze CPI (Credit Protection Insurance), che hanno proprio lo scopo di subentrare al debitore nel pagamento delle rate nel caso in cui questi sia impossibilitato a farlo per cause di forza maggiore, ben circoscritte dal contratto assicurativo sottoscritto. L’offerta in questo ramo è vasta, sia presso le agenzie di assicurazioni che presso gli istituti bancari o finanziarie. Come orientarsi? Cosa valutare al momento della scelta? Quali sono i costi? Scopriamolo insieme.

Indice articolo

Cos’è una CPI e quando la si deve sottoscrivere?

Le CPI vengono sottoscritte in concomitanza con l’accensione di un finanziamento o di un mutuo con lo scopo appunto di estinguere il debito al posto del debitore nel caso in cui questi sia impossibilitato a farlo (approfondimento: Estinzione anticipata prestito). Solitamente tali polizze coprono gravi eventi che possono colpire l’assicurato, come ad esempio malattia, infortunio, invalidità o decesso.

Alcune possono comprendere nel pacchetto anche la perdita dell’impiego.

In questa tipologia di polizza compaiono tre figure:

  1. il contraente: può essere la banca/finanziaria (polizza collettiva, la più diffusa e solitamente più accessibile economicamente) o il sottoscrivente il finanziamento (polizza individuale, il cui premio sale notevolmente con l’aumentare dell’età dell’assicurato e per questo poco utilizzata);
  2. l’assicurato: è colui che ha contratto il debito con la banca o la finanziaria e che versa il premio dovuto;
  3. il beneficiario: è la persona che l’assicurato indica come destinatario dell’indennizzo. Nel caso di decesso di solito si indica un familiare e per legge il beneficiario non può essere la banca/finanziaria che eroga il finanziamento/mutuo nel caso in cui sia anche intermediaria dell’assicurazione, onde evitare conflitti d’interesse. In caso di morte del debitore, il parente indicato, con il capitale ricevuto dall’assicurazione, potrà scegliere se rimborsare il debito residuo in un’unica soluzione o continuare a versare le rate secondo il piano di ammortamento originale.

E’ obbligatoria?

No. La legge non prevede alcun obbligo di assicurazione per chi accende un prestito. Assicurare il finanziamento è una scelta individuale. Nel caso di un mutuo è obbligatoria solo la sottoscrizione di una polizza scoppio/incendio per tutelare l’immobile ipotecato. E’ anche vero, però, che sempre più banche oggigiorno, soprattutto quando si parla di mutuo, fanno pressioni affinchè si decida di accostare al finanziamento una CPI, perchè ciò le tutela da problemi futuri. Alle volte tale polizza diventa una “conditio sine qua non” per ottenere il finanziamento. In questo caso tieni bene a mente che non sei obbligato a sottoscrivere la polizza proposta dall’istituto bancario presso cui stai richiedendo il finanziamento/mutuo: se lo desideri, potrai rivolgerti altrove cercandone una che offra le medesime coperture, ma magari ad un costo inferiore e la banca ha l’obbligo di accettarla.

Inoltre il contraente la polizza può usufruire del diritto di recesso entro 30 giorni dalla firma del contratto ed avrà diritto entro 30 giorni dalla ricezione della disdetta da parte dell’agenzia alla restituzione del premio versato, al netto delle commissioni dovute all’intermediario se espressamente indicate al momento della stipula. E’ quindi importante richiedere che tale costo sia ben quantificato nel contratto onde evitare controversie future.

Costi e modalità di pagamento

protezione polizza cpi

Se hai già fatto un giro tra agenzie di assicurazioni e istituti bancari, avrai notato che i costi delle CPI variano anche parecchio tra loro. Maggiore è la copertura, più alto sarà il premio da corrispondere. Le più economiche solitamente coprono solo la vita e costano all’incirca il 2,5% dell’importo assicurato. Il prezzo però sale con l’aggiunta della copertura infortunio e ancor più con la protezione dell’impiego. Comunque si tratta di un costo onesto se si rimane tra il 2,5% e il 7% circa dell’importo.

Il premio assicurativo va corrisposto quasi sempre anticipatamente, al momento della firma del finanziamento/mutuo. Se non si dispone dei contanti necessari, si può aggiungere l’importo del premio al finanziamento che si sta richiedendo, così da pagare il dovuto spalmandone la spesa nel tempo. In tal caso, però, si dovranno corrispondere gli interessi anche sul premio, aumentandone così l’importo effettivo finale.

Cosa valutare al momento della scelta?

Ci sono alcuni aspetti della polizza assicurativa che devi controllare e valutare bene prima della firma, consultando attentamente il foglio informativo. Ad esempio:

  • la durata: controlla che la copertura assicurativa abbia una durata pari a quella del finanziamento che si sta assicurando, altrimenti potrebbero rimanere scoperte anche molte rate in caso di sinistro;
  • le condizioni: fai bene attenzione a cosa rientra nella copertura assicurativa. Ci sono limitazioni o casi di decesso non coperti? (morte all’estero, suicidio, pratica di attività pericolose…). La copertura assicurativa parte dalla firma o è previsto il cosiddetto “periodo di carenza” (di solito i 90 o 180 giorni iniziali)? Sono previste franchigie?
  • le commissioni: si tratta quasi sempre di prodotti intermediati, ma a che prezzo? Informati sempre, in quanto possono essere commissioni anche piuttosto salate.
  • tipologia della polizza: scegli quella che meglio soddisfa le tue reali esigenze. Sei un giovane single? Potrebbe essere sufficiente una polizza perdita dell’impiego. Stai accendendo un mutuo e vuoi tutelare i tuoi eredi? Ti è indispensabile una polizza vita, magari a capitale decrescente, che diminuisce man mano che rimborsi il debito, ma che fornisca comunque ai tuoi figli la sicurezza di rimborso nel malaugurato caso di un tuo decesso… Hai più esigenze? Indirizzati su un pacchetto completo.

Fai anche molta attenzione a presentare fedelmente e nel dettaglio il tuo stato di salute attuale e pregresso, onde evitare in futuro di non vederti erogato il denaro a causa di un’imprecisione o dimenticanza. Effettua le dovute visite mediche, anche se a tue spese, ne vale decisamente la pena.

In caso di sinistro cosa devo fare?

Quando si stipula una CPI di certo non ci si augura di doverla utilizzare. Ma se purtroppo ciò fosse necessario, nel contratto troverai indicate le modalità di denuncia del sinistro, la documentazione da presentare e tutte le informazioni relative ai tempi e alle modalità di erogazione dell’indennizzo. Attenzione: ci sono delle tempistiche da rispettare per la richiesta del capitale assicurato, oltre le quali si perde il diritto al beneficio. Controlla sempre tale aspetto al momento della sottoscrizione, così da non incappare in gravi dimenticanze al momento debito…

I premi delle CPI sono detraibili?

detrazioni polizza cpi

I premi assicurativi di molte tipologie di polizze sono detraibili, anche se negli ultimi anni sono stati notevolmente abbassati i tetti massimi. Ad esempio, per quanto riguarda le polizze vita e infortuni è possibile detrarre in dichiarazione dei redditi il 19% del premio, calcolato su un ammontare massimo di 530€. Sono previste limitazioni (art. 15, comma 1, lett. f, TUIR).

Opinioni

Come abbiamo visto, le polizze CPI hanno il loro costo che in parte dipende dalle commissioni degli intermediari ancora piuttosto salate e per la restante parte dalle coperture offerte. Eppure, a mio personale parere, sono utili soprattutto quando il finanziamento richiederà diversi anni per il rimborso.

E’ vero, su un mutuo di 100.000€ significherà aggiungere altri 5 o 6.000€, ma la sicurezza di non trovarsi in futuro nell’impossibilità di restituire la somma in prestito col rischio di perdere anche l’immobile di proprietà ne giustifica la spesa. L’importante è informarsi, valutare con attenzione le proprie reali esigenze e non fermarsi alla prima offerta, ma girare in cerca delle migliori condizioni economiche in circolazione a parità di servizi offerti.

Le agenzie a cui rivolgersi sono tante: Generali, Agos, UnipolSai, Axa, Genialloyd…Solo dopo aver valutato la concorrenza potrai decidere se sottoscrivere la PCI proposta dalla banca che ti sta concedendo il prestito o preferirne un’altra a tua scelta.

Approfondisci

MotusQuo opinioni – Prestiti e investimenti online

MotusQuo – Cos’è e come funziona?

Se possiedi un capitale che desideri investire oppure se hai necessità di richiedere un prestito per esigenze personali o per finanziare un progetto che ti sta particolarmente a cuore, tradizionalmente ci si rivolge agli istituti bancari, fisici o online, o alle finanziarie sparse sul territorio nazionale.

Ma forse non sai che da circa un decennio in Italia è possibile soddisfare tali esigenze anche in un altro modo, ricorrendo al cosiddetto “Social lending” (prestito sociale) noto anche come “Peer to peer lending” (individui che prestano ad altri individui), investendo o ricevendo in prestito denaro senza l’intermediazione di banche ed istituti di credito, ma affidandosi a piattaforme dedicate che mettono direttamente in contatto investitori e richiedenti. Ed è proprio di una di queste piattaforme di social lending che voglio parlarti oggi: MotusQuo.

Indice articolo

Cos’è MotusQuo

MotusQuo è una start up italiana ed innovativa fondata nel 2014 dal dott. Giorgio Martelli, che si è lanciato in quest’avventura dopo essere stato per oltre 7 anni direttore esecutivo di UBS, quindi dopo aver acquisito una notevole esperienza nel settore bancario.

Tramite la creazione e gestione di una piattaforma essenziale ed intuitiva, MotusQuo fornisce ai privati la possibilità di incrociare le proprie esigenze di investire o essere finanziati risparmiando tempo e denaro, eliminando completamente l’intermediazione di istituti bancari o di credito. Entrare a far parte della community di MotusQuo è semplice: in pochi click potrai iniziare ad investire la somma che deciderai di caricare sul tuo conto MotusQuo, oppure potrai immediatamente formulare la richiesta di un prestito.

Partners

MotusQuo, dunque, nasce con l’intenzione di eliminare gli intermediari tra il finanziatore e il finanziato al fine di abbattere costi e tempistiche, ma per la società in questione ciò non deve andare a scapito della sicurezza e trasparenza delle operazioni, obiettivi chiave spesso ribaditi dal CEO.

Per questo MotusQuo si appoggia a partner affidabili come:

  • Lemon way, un istituto di pagamento, supervisionato dal solido Gruppo bancario BNL-BNP Paribas, che rispetta le regolamentazioni europee per tutelare da frodi, riciclaggio e terrorismo tutte le transazioni che avvengono al suo interno;
  • la Centrale dei Rischi, che fa capo alla Banca d’Italia, e il CRIF che raccolgono tutte le informazioni relative a finanziamenti concessi a persone fisiche, aziende e società, in modo tale da permettere alla piattaforma MotusQuo di stabilire che tipo di pagatore sia e quindi a che classe di rischio appartenga (dalla A alla F, la più rischiosa) chiunque stia richiedendo un prestito. Sono comunque inseriti nella piattaforma solo i richiedenti ritenuti idonei a ricevere un prestito.

Costi e servizi

Il punto di forza del social lending, ed in particolare di MotusQuo è rappresentato dall’abbattimento dei costi. Infatti l’iscrizione alla piattaforma e l’usufrutto dei servizi di pagamento Lemon way sono completamente gratuiti.

Investitori

Se sei un investitore potrai caricare sul tuo conto MotusQuo da un minimo di 500€ ad un massimo di 50.000€ che potrai investire a tuo piacimento tra le richieste di finanziamento presenti in piattaforma già nel giro di 72 ore e con tassi di rendimento variabili e vantaggiosi.

MotusQuo tratterrà sui capitali investiti una commissione pari all’1,5%. Non sono previste commissioni sugli interessi, sui quali però sarà applicata una ritenuta fiscale pari al 26%, a titolo di sostituto d’imposta.

schema funzionamento investimento motusquo

Potrai scegliere tra due modalità d’investimento, a seconda della tua esperienza nel settore:

  • automatico: in base al rapporto rendimento/rischio che intendi sostenere potrai scegliere di investire seguendo uno dei tre piani proposti: prudente, moderato o intraprendente; ovviamente, come in qualsiasi investimento, più alto è il rendimento, più sale il rischio.
  • manuale: potrai comporre a tuo piacimento il piano che preferisci attivando manualmente le offerte che più soddisfano le tue esigenze e i tuoi obiettivi.

esempio di rendimenti investimenti motusquo

Quindi sarai sempre tu a scegliere di volta in volta i margini di rischio da sostenere e i tassi d’interesse che vuoi ottenere, in tali scelte la piattaforma non interferisce in alcun modo. Inoltre per ogni richiesta di prestito che visionerai ti saranno fornite tutte le informazioni necessarie per effettuare le dovute valutazioni (scopo, importo totale, età, occupazione e classe di rischio del richiedente, identificato per motivi di privacy da un nickname).

Potrai anche visionare le offerte proposte da altri investitori per quel medesimo prestito ed eventualmente modificare la tua per renderla più concorrenziale. Inizierai a ricevere i rimborsi sul tuo conto MotusQuo già dal mese successivo e potrai scegliere di volta in volta se ritirarli o eventualmente rinvestirli.

Attraverso l’app MotusQuo, disponibile sia per Android che per iOS, potrai monitorare l’andamento dei tuoi investimenti anche grazie ai grafici.

esempio schermata app motusquo

E’ importante sottolineare il fatto che non presterai denaro ad una persona in particolare, ma investirai un capitale che verrà ripartito dalla piattaforma in svariati progetti in modo tale che, in caso di insolvenze, il problema riguarderebbe solo una parte e non la totalità dell’importo investito. Diversificherai quindi i tuoi investimenti sia nei tempi di rientro che negli interessi percepiti.

Inoltre, al momento dell’iscrizione, delegherai la società in questione a gestire le eventuali insolvenze in tua vece; MotusQuo incasserà al tuo posto la quota interessi maturata sul credito recuperato e addebiterà sul tuo conto fino ad un massimo del 50% delle spese sostenute per il recupero del credito. In caso di problematiche complesse potrai richiedere il rientro rapido del credito tramite la cessione del finanziamento in questione a società terze, pagando una commissione pari a max. il 3% del valore ceduto.

Finanziato

Se sei un maggiorenne con residenza italiana, hai massimo 65 anni e non sei protestato, potrai richiedere da 1.500€ a 30.000€ , scegliendo di rimborsare l’importo in un numero di rate a tua scelta partendo da 12 fino a 60 mesi. Quando la tua richiesta sarà approvata, l’importo stabilito sarà versato sul tuo conto in 5 giorni lavorativi e il rimborso comincerà dal mese successivo. MotusQuo applicherà una commissione pari al 3% dell’importo erogato, che il debitore dovrà versare con piccole quote inserite nelle rate mensili del rimborso. Non è previsto alcun costo aggiuntivo in quanto la burocrazia è azzerata e non ci sono spese di istruttoria o apertura pratica.

fasi richiesta prestito motusquo

Nel momento in cui inserirai nel sistema la tua richiesta di prestito, la piattaforma cercherà per te le migliori offerte disponibili in quel momento, col tasso di interesse più conveniente, sempre garantito al di sotto della soglia di usura. La tua richiesta sarà quindi plurifinanziata al fine di offrirti le migliori condizioni possibili. Nell’immagine seguente tratta direttamente dal foglio informativo è rappresentata la panoramica della provenienza dei fondi che hanno contribuito all’erogazione del prestito e le singole quote da restituire ai vari tassi applicati. E’ ben in evidenza anche la commissione che dovrà essere versata a MotusQuo.

esempio condizioni prestito motusquo

Come si vede, i tuoi dati sensibili e quelli degli investitori saranno tutelati, in quanto non apparirà mai il tuo nome e cognome, ma solo il tuo nickname.
Anche se non ci sono di mezzo le banche, ciò non vuol dire che si possa facilmente ovviare al rimborso del prestito. La puntualità dei rimborsi è importante, anche perchè sono previsti interessi di mora e spese per il recupero credito. Può inoltre essere utile sapere che è possibile richiedere un solo finanziamento per volta, quindi non è previsto il consolidamento.

Come effettuare l’iscrizione alla piattaforma

L’iscrizione si svolge completamente online, in pochi e semplici passaggi. Cliccando sul bottone Diventa un investitore o Chiedi un prestito inizierà la fase di registrazione durante la quale dovrai inserire il tuo nome, cognome, password, indirizzo email e numero di cellulare. La mail ti servirà per autenticare l’account mentre sul cellulare riceverai un SMS che ti servirà per confermare la procedura. I documenti che dovrai scansionare sono il tuo documento d’identità, una bolletta necessaria per verificare la tua effettiva residenza in Italia e un documento che attesti l’IBAN del tuo conto corrente. Dovrai poi continuare seguendo le procedure indicate, molto intuitive, per cominciare ad investire o per effettuare una richiesta di prestito.

Se avessi bisogno di assistenza, potrai richiederla via email a [email protected] oppure, se ti sei già registrato, telefonicamente aprendo online un ticket: sarai contattato appena possibile

Opinioni

Il social lending timidamente negli anni si sta facendo strada per gli investimenti e le richieste di credito come canale alternativo ai tradizionali istituti bancari, fisici o online. Si tratta naturalmente di un metodo che può generare perplessità nei consumatori, proprio per la mancanza di un intermediario solido e rassicurante, ma che trae proprio da ciò i suoi vantaggi economici più rilevanti. Su diversi forum online ho riscontrato una certa diffidenza tra gli utenti che investono sul social lending, però non solo su MotusQuo, poichè, proprio come succede alle banche, anche incrociando tutti i possibili dati a disposizione, può capitare di imbattersi in un neo cattivo pagatore e vedersi quindi definire come inesigibili i propri crediti. Ma è un rischio che fa parte del gioco, bisogna metterlo in conto.

Data rilevazione: 14 Giugno 2019 – Fonte: sito MotusQuo

Approfondisci

Prestiti sms – Quali alternative in Italia?

Prestiti tramite sms e app: Unicredit, Fineco e Agos

Nel periodo in cui lo smartphone permette di fare trading e gestire le proprie finanze, pensare alla possibilità di richiesta di prestiti sms potrebbe sembrare una soluzione scontata. Effettivamente nel nord Europa si è sviluppata questa forma di finanziamento, ed anche in Italia si riscontrano delle situazioni percorribili, anche se con modalità, almeno per il momento, ancora differenti.

Di che cosa si tratta?

Come si può evincere dal nome la forma pura dei prestiti via sms è quella di un finanziamento che può essere richiesto alla banca erogante tramite l’invio di un semplice short message tramite il proprio device mobile. Quindi anche quando guardiamo a prodotti proposti al di fuori dell’Italia, si deve avere come presupposto:

  • un rapporto già esistente con l’istituto di credito;
  • una pre-valutazione dell’affidabilità del richiedente.

Ovviamente, trattandosi di sms loans che prevedono importi modesti (generalmente si può partire da 50 0 100 euro ed arrivare a 500 euro), l’iter di approvazione è solitamente piuttosto veloce, ma la tempistica varia in funzione di numerose situazioni. Sempre parlando di situazioni generiche riscontrabili al di fuori dei nostri confini i tassi di interesse possono risultare anche elevati.

Attenzione: il discorso non è confrontabile con il panorama italiano in quanto i tassi sono legati a regolamenti bancari esteri, dove il calcolo delle soglie di “usura” avviene con criteri differenti rispetto alle leggi nostrane. Tra l’altro, ad oggi non c’è possibilità per i residenti in Italia di accedere a questi tipi di prestiti erogati da società straniere, proprio perché non rispettano la normativa vigente nel nostro Paese.

Quali alternative in Italia?

Se consideriamo i prodotti che attualmente sono disponibili invece in Italia, possiamo fare una distinzione tra quelli effettivamente richiedibili tramite sms e quelli che invece permettono di usare l’invio di un messaggio semplicemente per fissare un appuntamento. Questa seconda tipologia è molto più diffusa, mentre il primo tipo è disponibile solo presso le banche che offrono prodotti in pre-valutazione.

Come funzionano?

Il funzionamento dei prestiti via sms, sia che si tratti di semplici richieste di appuntamento (in molti casi è prevista soprattutto la modalità tramite Whatsapp), che di vere e proprie richieste di erogazione di una somma pre-valutata, è comunque semplice: si invia il messaggio con un testo predeterminato dalla banca e si fa il tipo di richiesta del quale si ha bisogno. Nel caso dell’erogazione dei prestiti da parte della banca stessa, generalmente il messaggio o la richiesta va fatta passando per un’app che logicamente deve essere scaricata sul proprio smartphone.

All’interno del ‘panorama’ finanziario nostrano di prodotti con questo tipo di caratteristiche in particolare ne incontriamo due, proposti da società che appartengono allo stesso gruppo bancario: Fineco e Banca UniCredit, entrambi appartenenti all’UniCredit Group.

Esempi e alternative

UniCredit con Creditexpress Easy

Come appena anticipato per poter usare il prestito concesso (con una cifra che deve essere compresa tra 1000 e 5000 euro) bisogna usare obbligatoriamente l’apposita app. Si tratta di una somma pre-accordata, a seguito di un iter di pre-valutazione che va fatto presso una filiale UniCredit (tra l’altro bisogna essere correntisti almeno da 6 mesi per potervi accedere). Una volta che la somma è stata accordata questa potrà essere richiesta in tutto od in parte tramite un messaggio effettuato da app mobile. Questo può avvenire in base alle proprie necessità (ad esempio per un acquisto) visto che la cifra viene immediatamente messa a disposizione del richiedente.

Come appena detto non è necessario usare per intero la somma accordata, ma la si può usare anche solo in modo parziale: ad esempio se si hanno 2000 euro di prestito accordato ma si ha bisogno di 800 euro, si può richiedere solo questa somma. Il tasso di interesse fisso verrà applicato solo sulla somma effettivamente richiesta (quindi nel nostro esempio sugli 800 euro). La somma eccedente potrà essere usata successivamente.

(Fonte: sito ufficiale UniCredit – Data: 7 gennaio 2019)

Approfondimento: Finanziamenti UniCredit.

Fineco

Con questa banca si può sfruttare il servizio di richiesta Prestiti Personali a valutazione istantanea via App. Come requisiti necessari troviamo la necessità di avere un conto corrente Fineco e l’aver scaricato l’app sul proprio smartphone (compatibile sia per sistema Android che per iOs). La somma massima ottenibile è fino a 15000 euro ed anche in questo caso ci deve essere stata logicamente una fase di valutazione preventiva. Come aspetti positivi ci sono:

  • sincronizzazione dell’app con l’area clienti che permette di vedere il piano di rimborso, così da poter fare la scelta ideale in funzione delle possibilità di rimborso;
  • richiesta istantanea e al 100 per cento parperless, che può essere fatta h24 tutti i giorni senza limitazioni.

Non ci sono spese di istruttoria, gestione pratica o incasso rid e il tasso fisso al 7 gennaio 2019 è di poco inferiore al 4%.

(Fonte: sito ufficiale Fineco – Data: 7 gennaio 2019)

Approfondimento: Prestiti online Fineco.

L’alternativa Agos4Now

Concludiamo con la proposta di finanziamento via app della finanziaria italo/francese. Non parliamo di un vero e proprio prestito sms, ma di un’applicazione attraverso cui procedere alla richiesta di un finanziamento senza entrare nel sito Agos od in una filiale.

Per farlo sono sufficienti la propria carta d’identità e la tessera sanitaria. Questo prodotto è assolutamente paperless visto che il riconoscimento viene fatto tramite webcam da operatore Agos e la procedura si completa con una firma digitale. Agos4Now, al termine della procedura di valutazione che può essere seguita sempre tramite app, permette di ottenere fino a 3000 euro.

(Fonte: sito ufficiale Agos – Data: 7 gennaio 2019)

Approfondimento: Prestiti online Agos.

Approfondisci

Prestito chirografario Unicredit, Bcc e Banca Popolare

Prestito chirografario: come funziona?

Il tipo di finanziamento che viene individuato con la definizione di prestito chirografario ha delle caratteristiche proprie che in modo errato vengono considerate “light”. Ma è veramente più facile ottenerlo rispetto ad un classico finanziamento?

La risposta sulla carta sembrerebbe affermativa perché se una banca propone un prestito chirografario si dovrebbe basare come garanzia semplicemente sulla “firma autografa del richiedente”.

In realtà però la situazione non è così, proprio perchè la principale garanzia richiesta, ovvero la firma, deve condurre ugualmente a una situazione reddituale, meritocratica e patrimoniale solida come nel caso di un finanziamento ‘tradizionale’.

Il prestito chirografario differisce nettamente invece da un mutuo assistito da ipoteca. In questo caso sappiamo infatti che i costi saranno elevati e le procedure complesse. Questo aspetto è vero in generale per tutti i prestiti assistiti da garanzia reale (che può essere rappresentata anche dal pegno).

Come vengono proposti i prestiti chirografari?

Si tratta inoltre di un prodotto che può essere orientato tanto a un privato che ad una azienda. Ma attenzione molto difficilmente una banca pubblicizzerà questo tipo di finanziamento in maniera diretta ed evidente. Come trovarli?

Questa tipologia di prestito è normalmente offerta dalle grandi banche o dagli istituti di credito legati al territorio come le Bcc. E’ invece abbastanza difficile da reperire nelle banche online, che normalmente presentano un’offerta molto ‘basilare’.

Le condizioni ‘tipo’

I prestiti chirografari presentano delle caratteristiche variabili in funzione dell’istituto di credito erogante anche se possiamo evidenziare alcune peculiarità comuni. Nella maggioranza dei casi, infatti, si tratta di prestiti con un piano di ammortamento medio o lungo (quasi sempre al di sopra dei 18 mesi e non meno di un anno).

La durata massima prevista è generalmente fino a 120 rate ed in alcuni casi eccezionali anche oltre. Per quanto riguarda i tassi, soprattutto per gli importi più elevati e le durate più lunghe, possono essere proposti sia a tasso fisso che a tasso variabile. In questo secondo caso si ha uno spread più un valore di indicizzazione che normalmente è rappresentato dall’euribor.

Quali sono i requisiti minimi necessari?

Come già detto all’inizio non sono necessari particolari requisiti per il richiedente se non quello di possedere una situazione reddituale e patrimoniale solida e sufficiente a fare da garanzia perché la banca dia parere positivo. E’ comunque possibile che l’istituto di credito richieda un garante ma si tratta di una condizione non ‘fondamentale e ricorrente’.

E’ inoltre necessario che chi chiede un prestito chirografario abbia un’ottima reputazione creditizia: bisogna aver maturato una storia nel campo dei finanziamenti, dimostrandosi affidabile e meritevole di ottenere nuovo credito.

Come funziona il rimborso?

La restituzione del finanziamento avviene di norma con l’ammortamento alla francese, quindi pagando periodicamente le rate composte di interessi e quota capitale. Il rimborso passa generalmente attraverso un addebito permanente in conto corrente delle rate fino al loro esaurimento, e può essere prevista una penale di estinzione anticipata. L’importo ‘concedibile’ tende ad essere medio-alto e può superare anche abbondantemente i 75000 euro: maggiore è la somma richiesta e maggiore sarà la durata con cui effettuare la restituzione totale.

Esempi pratici

  • Per fare un esempio di una banca di medio-piccola diffusione, vediamo che la Banca Popolare dell’Alto Adige concede con il suo prestito chirografario fino a 75000 euro in 60 rate mentre sopra i 75 mila euro arriva fino a 72 rate. Il tasso può essere sia variabile che fisso. Il finanziamento è offerto solo alle aziende (Fonte: foglio informativo ufficiale – Data 11/12/2017)
  • Guardando invece nell’offerta di uno dei gruppi più grandi come Unicredit, troviamo un prestito chirografario per privati che esce fuori dagli schemi più usuali con un importo minimo erogato, nella versione Plus, di 76000 euro e una durata che parte da 36 mesi fino a 15 anni. (Fonte: sito ufficiale Unicredit – Data 11/12/2017)
  • La Bcc tra i vari prestiti presenti nella sua offerta ha anche il finanziamento chirografario Progetto Matrimonio che permette di ottenere fino a 20.000 euro da rimborsare in massimo 60 mesi. Il prestito è dedicato alle coppie in procinto di sposarsi ed è a tasso fisso. (Fonte: foglio informativo Bcc Roma – Data 11/12/2017)

Conclusioni

Con gli esempi appena fatti è chiaro che le condizioni possono variare e che bisogna orientare la ricerca a seconda dell’entità della somma che si sta cercando e del tempo che si ha a disposizione. Ovviamente Gruppi bancari più grandi possono prevedere somme maggiori e tempi di restituzione più lunghi, ma ogni singolo caso va valutato e analizzato senza poter effettuare delle vere generalizzazioni.

Approfondisci

Prestiti online senza andare in filiale – Sono sicuri?

Prestiti online senza recarsi in filiale: sono davvero convenienti?

La diffusione di dispositivi tecnologici collegati al web ha contribuito all’incremento dell’offerta di prestiti online senza la necessità di andare in filiale. Un altro contributo è stato dato dai siti di comparazione sempre più numerosi ed ovviamente dalle condizioni economiche che generalmente sono più vantaggiose nel caso di scelta di un prodotto sottoscritto in modo digitale.

Come si possono ottenere?

Le società finanziarie oppure le banche che hanno orientato una parte della propria offerta alle sottoscrizioni on line possono optare per tre tipologie di “accesso”:

  • procedura online al 100% che si avvale soprattutto del sistema della firma digitale;
  • procedura per i prestiti online senza recarsi in filiale ma che sfruttano la modulistica cartacea;
  • procedura iniziale online e successivamente incontro in agenzia o filiale per la formalizzazione della richiesta e la consegna dei documenti.

Quest’ultima modalità è quella che sta diventando sempre meno frequente visto che riduce i concreti e reali vantaggi legati alla comodità di una richiesta di un finanziamento da casa o dal proprio smartphone in mobilità.

La procedura online al 100% ha il vantaggio di essere sicura e rapida (non ci sono ad esempio tempi di attesa legati alla spedizione dei moduli cartacei) e si ha una maggiore facilità nel seguire la traccia dell’iter della richiesta stessa.

Procedure sicure

Quando si propone un prestito online digitale al 100% il finanziatore si deve avvalere obbligatoriamente della firma digitale. Questo rappresenta un sistema forte, sicuro e certo perché venga riconosciuta l’identità del richiedente e non necessita del possesso di una Pec o di una carta servizi.

Nel fornire questo tipo di strumento c’è una certa differenza a seconda che si tratti di prestiti proposti da una banca, che vede nell’erogazione del finanziamento un servizio aggiuntivo o “accessorio” ad un conto corrente (come ad esempio Webank) o se ci riferiamo ad una finanziaria o anche ad una banca che offre prevalentemente prestiti (come ad esempio Findomestic).

Nel primo caso l’iter da seguire parte e si gestisce all’interno dell’apposita area del servizio di internet banking. In questo modo la banca avrà già in partenza le informazioni sulla certa identificazione del richiedente (la firma digitale è come se fosse stata apposta a monte).

Si tratta di una modalità che può essere usata anche al di fuori del circuito finanziario privato. In questo senso un esempio lo troviamo con il piccolo prestito dei dipendenti pubblici richiedibile direttamente all’interno nell’area personale di NoiPa.

Nel caso invece di finanziarie o di banche che puntano sull’offerta di prestiti anche a chi non è correntista viene sfruttata la firma digitale ‘vera e propria’ con delle modalità comunque molto semplici.

Esempio pratico Findomestic

Con la banca del gruppo Bnp Paribas si deve semplicemente creare un pin personale che va autenticato tramite l’uso della password OTP inviata con sms da Findomestic stessa.

Fatta questa operazione è possibile richiedere il finanziamento ufficialmente visto che la firma dei contratti avviene fattivamente semplicemente spuntando le varie caselle indicate:

Il tutto viene reso autentico re-inserendo il pin generato in fase di registrazione e con un altro OTP sempre inviato con SMS.

(Fonte: sito ufficiale Findomestic – Data rilevazione: 06/12/2017)

Tutte le banche on line li propongono senza recarsi in filiale?

La connessione logica tra “banca online” e l’offerta di un prestito interamente sul web viene in modo quasi spontaneo. Nella pratica però non è detto che la situazione sarà esattamente in questo modo. Una delle più grandi banche europee online come Ing Direct, ad esempio, propone il Prestito Arancio con richiesta di preventivo e di prestito online, ma comunque vuole che venga inviata anche la documentazione in modo cartaceo (info sito ufficiale Ing Direct – data 06/12/2017).

Quindi prima di procedere con una richiesta di finanziamento bisognerebbe controllare il tipo di procedura che verrà seguita non solo nella fase di richiesta, ma anche in quelle successive. Ovviamente tutto questo non deve fuorviare dalla necessità di mantenere l’attenzione rivolta su alcuni aspetti molto importanti legati all’effettiva convenienza come:

  • Tan e Taeg;
  • spese accessorie e altri costi;
  • spese di assicurazione obbligatorie o facoltative;
  • modalità di accredito e di rimborso;
  • presenza di possibili convenzioni come ad esempio quelle Inps per i pensionati o NoiPa per i dipendenti pubblici;
  • condizioni di eventuali promozioni o offerte a tempo.

Approfondisci

Prestiti 60 mesi: Agos, Webank e Findomestic

Prestiti 60 mesi – Come fare una simulazione online?

Le durate concesse per il rimborso di un prestito possono andare da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 10 anni. I prestiti di 60 mesi sono tra quelli più diffusi come accessibilità, soprattutto grazie ad un legame abbastanza stretto che hanno mantenuto per un lungo periodo con la cessione del quinto. Si deve infatti al 2005 e successive modifiche, l’introduzione della possibilità di scegliere per la cessione del quinto una qualsiasi durata purché compresa tra le 24 e le 120 rate.

Sul piano dei prestiti personali la durata di 5 anni (ovvero 60 mesi) è solitamente disponibile, fatta eccezione per quelle forme di prestito pensate per durare poco tempo perché legate a importi ridotti. Anche per i finanziamenti finalizzati la possibilità di poter scegliere un piano di 60 rate è spesso al centro di offerte interessanti, specialmente in alcuni settori come ad esempio quello delle auto e dell’arredamento, considerati gli importi anche piuttosto elevati che si devono richiedere per acquistare questi prodotti.

Caratteristiche e condizioni economiche
Per i prestiti di 60 mesi va fatta una distinzione in due settori: i prestiti di cessione del quinto e quelli di altro genere sia personali che finalizzati. In seno a quest’ultima categoria troviamo quelli collegati all’importo richiesto e quelli svincolati. Per queste due tipologie le differenze sugli interessi, sull’importo della rata e sui tassi applicati possono essere considerevoli.

Finanziamento a 5 anni: meglio la cessione o un prestito ‘tradizionale’?

Per prima cosa andiamo a vedere le peculiarità che caratterizzano una cessione del quinto a 60 mesi. La prima è legata alla possibilità di rinnovo prima della scadenza del contratto. A differenza dei prestiti personali generici quando si vuole rinnovare la cessione del quinto bisogna aver raggiunto una percentuale di rimborso minima pari al 40% della rimanente durata. Tuttavia se è stata fatta una cessione del quinto con durata massima non superiore ai 60 mesi e si vuole fare un rinnovo per passare ad una decennale non si dovrà rispettare alcuna quota di rimborso già realizzato ma potrà essere richiesta in qualsiasi momento.

Ancora oggi, inoltre, per i prestiti pluriennali ex Inpdap per finanziare alcuni bisogni specifici (come ad esempio acquisto auto, nascita di un figlio, matrimonio, funerale, cerimonia, ecc) si dovrà scegliere per forza la versione a 60 mesi perché quella a 10 anni è legata ad altri tipi di motivazione.

Per quanto riguarda gli altri prestiti personali e finalizzati questo orizzonte temporale permette di individuare molte alternative, presenti sia nell’offerta tradizionale che in quella online. Ovviamente per quest’ultima diventa molto più semplice fare un calcolo o una simulazione, per decidere se passare ad un preventivo ed eventualmente alla richiesta di prestito vera e propria.

Ricordiamo comunque che il preventivo non risulta in alcun modo impegnativo e non porta a una segnalazione nel sistema di una richiesta di prestito in corso. Non solo, rappresenta un passaggio irrinunciabile per comprendere appieno la convenienza di un prestito rispetto ad un altro e per permettere di valutare con attenzione la sostenibilità della rata alla luce di tutti gli impegni che si hanno già in corso.

Prestito Agos, WeBank e Findomestic

Agos e Findomestic offrono un servizio atto a garantire un calcolo rapido online ma con delle condizioni differenti non solo sul lato dei tassi applicati. Se Agos permette di svincolare l’importo richiesto dalla durata, Findomestic invece mantiene proprio questo tipo di legame (ad esempio per somme basse sarà difficile ottenere un piano di ammortamento della durata massima prevista ovvero le 120 rate). Tuttavia le 60 rate saranno quasi sempre disponibili per importi bassi, medi ed elevati.

Simulazione 1

Consideriamo una richiesta di 20 mila euro da restituire in 60 mesi.

In base a questi parametri, con il calcolo fatto al 26-09-2017 sul sito ufficiale Findomestic, avremo una rata da 409,90 euro con un Tan all’8,45% e un Taeg 8,79%

Se andiamo a considerare l’offerta di Agos invece ci troveremo davanti a una situazione con una rata di 403 euro con Tan 6,91% e Taeg 8,30% (Fonte: sito ufficiale Agos – data rilevazione 30/09/2017)

Una simulazione di questo tipo ci permette di capire il peso delle spese accessorie visto lo scarto che c’è tra Tan e Taeg.

Simulazione 2

Il secondo esempio prende come riferimento una somma pari a 10 mila euro da restituire in 60 mesi. Con queste condizioni consideriamo anche WeBank.

  1. Agos: rata da 192,10 euro un Tan 4,92% e Taeg 6,45% (Fonte: sito ufficiale Agos – data rilevazione 30/09/2017)

  2. Findomestic: rata 194,50 euro un Tan 6,25% e taeg 6,43% (Fonte: sito ufficiale Findomestic – data rilevazione 30/09/2017)

  3. Webank: rata da 198,01 euro, Tan 7% e Taeg 7,29%. (Fonte: sito ufficiale WeBank – data rilevazione 30/09/2017)
  4. E’ quindi evidente che per una durata intermedia, come nel caso di 60 rate, le differenze delle condizioni economiche sui tassi applicati diventano notevoli con il diminuire dell’importo, arrivando a quasi il 2% in meno se si dimezza la somma richiesta.

    Al di là del calcolo che può essere condizionato dalle condizioni e dai tassi del momento, queste differenze vanno attentamente valutate spingendo a richiedere la somma “giusta” (ovvero quella che serve effettivamente) e a non prolungare più del dovuto la durata del piano di ammortamento.

    Conclusioni

    La scelta che si può incontrare quando si cercano prestiti da restituire in 60 rate è ampia, andando ad attraversare quasi ogni tipologia di finanziamento, dalla cessione del quinto al prestito finalizzato all’acquisto di un’auto, passando persino per un mutuo. Di contro si devono fare molte più valutazioni già a partire dalla fase di calcolo e/o di simulazione, consigliate ancor prima di arrivare alla richiesta di preventivo vera e propria.

    Purtroppo questa possibilità non è offerta da tutte le banche e da tutte le finanziarie. Si può sopperire al problema usando calcolatori indipendenti, facendo però attenzione alla politica dei tassi che quella società applica. Per l’aspetto della sostenibilità si deve invece sempre valutare l’entità della rata esclusivamente in funzione della propria disponibilità economica, tranne che nel caso della cessione del quinto dove il rapporto rata e reddito per legge viene vincolato all’entità del reddito netto percepito in media al mese.

    Approfondisci