Prestito auto: usata o nuova quando si può

Esempi prestiti per acquisto auto

Il prestito auto ‘propriamente detto’ rappresenta una delle principali forme di finanziamento finalizzato per ottenere la liquidità necessaria per poter acquistare una vettura nuova o usata.

Detto questo, il prestito finalizzato non rappresenta l’unica alternativa accessibile. Visto il grande boom che negli ultimi anni ha coinvolto il mercato dell’auto (anche usata), spesso infatti si ricorre a un prestito personale che poi viene di fatto utilizzato come prestito auto, ma senza dover fornire delle giustificazioni di spesa a monte.

I vantaggi di questa scelta sono soprattutto legati alla possibilità di rivolgersi alla propria banca di fiducia o alle Poste, senza dover ‘dipendere’ dalle soluzioni proposte dal concessionario. Non solo, un ‘generico’ prestito personale potrà essere utilizzato anche per acquistare l’auto da un privato senza rinunciare alla possibilità di pagare a rate il proprio acquisto.

Andiamo ora ad analizzare le varie alternative per finanziare l’acquisto di un veicolo (anche per uso privato) che sono molte e varie, ricordando innanzitutto che con la diffusione di auto ibride e auto elettriche si possono anche ottenere incentivi o finanziamenti agevolati creati proprio per queste tipologie di auto.

Le proposte dei concessionari

Ricapitoliamo quanto detto fino ad ora: i finanziamenti auto, vengono spesso offerti direttamente dalla concessionaria o dalla casa produttrice del veicolo, ma nulla vieta ai clienti di informarsi presso i tradizionali istituti di credito per ottenere un tasso più vantaggioso rispetto a quello proposto. Da qui sorge una domanda spontanea, perché scegliere la soluzione di un concessionario?

Tutto dipende dai tassi applicati (che in alcuni casi si possono anche avvicinare al tasso zero soprattutto per quelli proposti dalle case automobilistiche) e dalle possibilità di chiudere con successo la richiesta. Aspetti che non bisogna dare per scontati con ogni soluzione.

I finanziamenti auto, sempre più spesso, vengono offerti direttamente dalla concessionaria o dalla casa produttrice del veicolo, ma nulla vieta ai clienti di informarsi presso i tradizionali istituti di credito per ottenere un tasso più vantaggioso rispetto a quello proposto.

modello auto vicino a calcolatrice
Cosa scegliere: prestiti delle concessionarie, da banche o finanziarie?

Ricapitoliamo quanto detto fino ad ora: il fatto che si possa ottenere un prestito auto direttamente da una concessionaria, non implica che questo sarà automaticamente quello proposto direttamente da una banca appartenente allo stesso gruppo del marchio delle auto. Una distinzione che può fare una grande differenza a seconda dell’Istituto proponente. Per quanto riguarda invece la convenienza di norma vale questo ordine decrescente:

  1. prestito auto da banca del gruppo automobilistico: si parte da tassi “0” a tassi medi con importo intorno ai 2 o 3 punti percentuali. Indubbiamente questo tipo di prodotto è quello che risulta più conveniente, e normalmente anche quello più semplice da ottenere. Per seguire l’iter ci si affida alla concessionaria, presentando solo i documenti personali e reddituali;
  2. prestito auto da Istituto privato, come banca (ad esempio UniCredit) o finanziaria (Agos): si tratta generalmente di prodotti convenzionati con la concessionaria. Di fronte a un aumento delle possibili stipule dei contratti l’istituto è disposto a concedere tassi più bassi rispetto a quelli normalmente applicati;
  3. prestito auto da banca o società esterna: in questo caso si deve cercare un finanziamento finalizzato (normalmente all’acquisto auto nuova, anche tramite leasing) con una banca che offre questo tipo di prodotto. L’iter deve essere seguito in prima persona, per cui bisogna anche fornire i documenti relativi all’auto da acquistare. In ordine di convenienza occupa il terzo posto;
  4. prestiti personali da usare come “prestito auto”: soprattutto nel caso delle auto usate, o quando le condizioni proposte dalla concessionaria non soddisfano, allora l’ultima chance è rappresentata dal prestito personale. Questa deve essere sempre l’ultima opzione poiché i tassi applicati sono in generale piuttosto elevati.

Diversamente da quanto accade nelle altre modalità di finanziamento, una delle caratteristiche più interessanti e ricorrenti è l’eventuale presenza del periodo di pre ammortamento, un lasso di tempo di circa 6 mesi in cui le rate del prestito rimangono sostanzialmente congelate.

Come avviene la richiesta?

In tutte e quattro le possibilità sia che il prestito auto venga richiesto presso la concessionaria che direttamente con la finanziaria, l’onere della valutazione della domanda e della stipula rimane in capo all’istituto di credito che dovrà analizzare i parametri del cliente, per accertare il merito creditizio.

Nel caso della richiesta tramite la concessionaria può capitare che il modulo di domanda del prestito sia parte del contratto di acquisto dell’auto. Qui bisogna fare attenzione alle firme che si mettono, poiché se si vuole provvedere in modo autonomo si rischia di veder bocciata la domanda per il fatto che ad entrambe le finanziarie risulteranno in corso “possibili” finanziamenti.

Per quanto riguarda le differenze e la comodità, indubbiamente passare tramite il concessionario “paga” nel senso che non ci si dovrà preoccupare di nulla o quasi. Se invece si affronta la pratica da soli (anche nel caso delle richieste online) allora si dovranno presentare personalmente i documenti, ed eventualmente fare le integrazioni richieste. Sicuramente, il concessionario, ha maggiore margine di negoziabilità non solo sui tassi ma anche per far passare una pratica leggermente complicata.

A riguardo va però detto che per poter procedere senza ulteriori garanzie, è indispensabile come sia la reputazione creditizia che la solidità reddituale siano impeccabili e molto consistenti.

Esempi finanziamenti per acquisto auto nuova/usata 

Prestito Banca Importo massimo
Prestito Findomestic Fino a 60.000 euro
Prestito Agos Fino a 30.0000 euro
Prestito Cofidis Fino a 5.000 euro

Tabella aggiornata al 22 Luglio 2021.

Quanto si può ottenere come finanziamento?

I prestiti auto, in media, vengono deliberati per importi non superiori all’85% del valore complessivo della vettura. Detto questo soprattutto online esistono numerose realtà virtuose che offrono anche somme per coprire il 100% del prezzo d’acquisto. La crisi del settore auto ha fatto affermare anche la vendita dell’auto senza anticipo, con rata posticipata. Ovviamente ogni alternativa presenta i propri pro e contro.

Quando può durare il finanziamento auto?

Anche per il periodo di rateizzazione e di rimborso esistono limiti standard: si va da 6 mesi fino al massimo di 5 anni anche se non mancano eccezioni anche per quanto riguarda i prestiti finalizzati. Di contro nei prestiti personali si possono raggiungere in alcuni casi (e per determinati importi) anche i 120 mesi.

Quali sono le proposte più interessanti

le banche e le finanziarie che  propongono offerte interessanti in tema di prestito auto sia nuova che per quella usata. Scopriamole insieme, ricordando che la convenienza dipende dalle proprie necessità e possibilità.

    • Findomestic, un prodotto disegnato su misura
      Findomestic ha pensato a tutti i suoi clienti con un prestito auto ad hoc, ideato per soddisfare ogni tipo di necessità di acquisto. Il prestito auto di Findomestic, inoltre, è studiato per l’acquisto di auto nuove, usate o Km 0, e si possono ampliare le possibilità di scelta grazie ai prodotti proposti direttamente da Bnl. Vista la procedura digitale al 100% di fatto si tratta spesso di prestiti personali, ma i tassi applicati sono molto competitivi;

persone che firmano contratto

  • Con Agos Ducato il prestito auto è veloceI prestiti auto online di Agos Ducato offrono ai clienti massima di libertà di scelta e assoluta comodità nella gestione della nuova vettura. Le caratteristiche dei finanziamenti auto di Agos, infatti, permettono di pianificare al meglio le spese, dilazionando i pagamenti nel tempo e potendo inoltre inserire nella somma richiesta anche gli importi relativi alle spese di immatricolazione, di bollo, di passaggio di proprietà e altre spese accessorie legate alla autovettura. Il limite può essere nell’importo massimo, considerato che Agos arriva fino a 30 mila euro;
  • Cofidis, il prestito auto con una marcia in più
    Tassi convenienti, modalità di richiesta semplificata e, soprattutto, numerosi servizi accessori studiati per la massima tranquillità dei clienti. I finanziamenti, tutti a zero spese, inoltre, permettono l’acquisto dell’auto all’insegna del massimo risparmio sui costi accessori. In alcuni casi si può anche abbassare la rata, puntando al pagamento della maxirata finale.
  • Fino a 10 mila euro con Compass
    Un importo adatto per la maggioranza delle utilitarie, con possibilità di richiesta totalmente online e un tasso fisso medio. Soprattutto da quando si è passati da Compass Finanziaria a Compass Banca spa, questa alternativa può essere presa in esame in esame.