Prestiti Enasarco – Solo cessione del quinto?

Prestiti Enasarco personali e contributi agevolati: come richiederli?

Gli enti si adoperano per offrire dei vantaggi esclusivi ai propri iscritti, ed ovviamente l’Enasarco non fa alcuna eccezione. Si incontrano delle differenze sulle condizioni proposte a seconda che si rientri negli agenti di commercio ancora in attività oppure pensionati, ma in generale ci sono convenzioni e varie forme di agevolazioni accessibili per tutti gli iscritti. In particolare nella sezione dei prestiti Enasarco troviamo tre possibili alternative per poter finanziare i propri progetti, che possiamo sintetizzare nel seguente modo:

  • Mutui: si tratta della sola forma del mutuo fondiario, disponibile per acquisto o per ristrutturazione. I mutui non sono erogati in modo diretto dall’Enasarco (così come invece può avvenire con l’Inpdap), ma l’erogazione è a carico con una delle banche convenzionate;
  • prestito personale, con la forma della cessione del quinto. Anche in questo caso l’erogazione avviene, a condizioni agevolate, da parte delle finanziarie e delle banche che hanno stipulato degli specifici accordi con l’ente;
  • contributi integrativi: all’interno dei “prestiti agevolati” questi sono quelli che più ci si avvicinano per due ragioni. La prima è che questi contributi vengono concessi direttamente dall’Enasarco, ma solo al verificarsi di alcune situazioni e/o eventi specifici. La seconda ragione è dovuta invece al fatto che si tratta di somme che non devono essere restituite da chi ne ha ricevuto il beneficio.

Caratteristiche e condizioni della cessione del quinto Enasarco

Indipendentemente dalla motivazione che spinge a chiedere una certa liquidità, sotto forma di prestito personale, gli iscritti Enasarco possono richiedere una cessione del quinto a condizioni agevolate. I requisiti che bisogna avere sono quelli minimi previsti per la richiesta delle cessioni. Tuttavia la domanda non deve essere rivolta direttamente a una delle sedi Enasarco presenti in Italia, ma bisogna fare la richiesta agli Istituti di credito convenzionati con l’ente stesso.

L’elenco di queste società convenzionate è in continuo mutamento, ma generalmente è aggiornato sul sito o si possono avere informazioni specifiche direttamente dagli uffici preposti dell’Enasarco. Per contattare questi uffici si possono utilizzare differenti canali, e comunque si può contattare il supporto del contact center per informazioni di carattere generale.

Informazioni ed assistenza sono ottenibili con:

  • il Contact center della Fondazione Enasarco che ha operatori che risponderanno dal lunedì al venerdì (tranne i festivi) dalle 8,30 fino alle ore 19.00;
  • entrando direttamente all’interno dell’area riservata in Enasarco facendo il login e poi entrando nella sezione delle informazioni;
  • la Live Chat (che è attiva dalle ore 9 alle ore 14 nei giorni feriali, ovvero dal lunedì al venerdì esclusi i festivi).

E’ possibile conoscere le condizioni che ciascuna finanziaria o banca convenzionata è disposta a fare, procedere con la richiesta di un preventivo, o conoscere le modalità di accesso all’offerta dei prestiti Enasarco, contattando direttamente una delle società convenzionate. Attualmente sono operative e attive con le convenzioni le seguenti società:

Banca/Finanziaria Contatto
Cap. Ital. Fin. S.p.A. 800.22.55.66
Conafi Prestitò S.p.A. 840.700.313
Credem 800.2733.36
Dynamica Retail 06.9652051
Fides S.p.A. 800.729.988
Istituto Finanziario Europeo S.r.L. 800.200.948
Ital Credi S.p.A. 800.78.03.30
M3 Prestitichiari S.p.A. 0965.811360 / 06.4940555
Fincontinuo S.p.A. 800.92.30.69

Se le condizioni che sono applicate dalle differenti società sono sostanzialmente molto diversificate tra di loro, in comune troviamo la documentazione necessaria che bisogna esibire per poter passare dalla richiesta del preventivo alla domanda vera e propria di prestito. Come documenti obbligatori necessari ci sono:

  • un documento di identità in corso di validità (che non sia prossimo alla scadenza);
  • il codice fiscale o la tessera sanitaria;
  • la certificazione della quota cedibile (che va richiesta agli uffici preposti Enasarco);
  • le ultime retribuzioni o l’ultima pensione.

I prestiti agevolati: contributi integrativi

Il verificarsi di alcune situazioni particolari (che possono essere sia positive come una nascita o un’adozione, che negative come un decesso o una malattia), portano a degli squilibri finanziari. Per fornire un sostegno economico in queste situazioni, anche l’Enasarco ha previsto una serie di forme di contribuzione, che hanno in comune solo tre elementi:

  • il contributo integrativo viene concesso solo dietro richiesta esplicita del possibile beneficiario, nelle modalità e nei tempi previsti da ciascuna situazione;
  • la domanda dovrà essere fatta usando gli appositi moduli e usando gli specifici canali, pena il rigetto e l’esclusione dal beneficio;
  • non è previsto l’obbligo di restituzione delle somme che vengono accordate.

In pratica i contributi integrativi sono da considerarsi i soli prestiti Enasarco realmente agevolati, proprio per l’uso della formula a “fondo” perduto. E’ però necessario che si verifichino alcune condizioni specifiche, e bisogna possedere dei requisiti ben definiti per poterne fare richiesta. Inoltre sono previsti dei limiti sulle somme che possono essere accordate.

I principali contributi agevolati che possono essere richiesti sono:

  1. contributo per infortunio o malattia specifico per gli agenti over 75 anni.
    L’obiettivo è quello di aiutare il richiedente a sostenere le spese mediche dovute a infortunio o malattia (che devono essere dimostrate tramite l’invio di fatture e spese mediche sostenute). Bisogna fare richiesta entro 90 giorni dall’evento. La richiesta, su apposito modulo, va fatta con Pec (indirizzo del destinatario prestazioni@pec.enasarco.it) oppure con raccomandata A/R da inviarsi all’indirizzo: Fondazione Enasarco via Antoniotto Usodimare 31, cap 00154 Roma sottoponendo all’attenzione del Servizio Prestazioni (Ufficio prestazioni integrative e Firr);
  2. contributo figlio (in caso di nascita oppure di adozione): Vengono previsti degli importi fissi che sono pari a 750 euro per il primo figlio, 650 euro per il secondo figlio e 500 euro per il terzo. La domanda può essere fatta sia dagli agenti in attività che i pensionati, ma a condizione che non passino 12 mesi dall’evento;
  3. contributo per i figli con disabilità: pensionati o agenti in attività possono richiederlo. L’importo massimo riconosciuto è di 1000 euro all’anno, ma la domanda va fatta entro il termine approvato nel regolamento di riferimento (tradizionalmente il 30 gno). Le modalità di richiesta sono le stesse previste dal punto 1;
  4. contributo spese funerarie: il termine per la presentazione è sempre di 12 mesi dall’evento. Modalità di richiesta e indirizzi di riferimento sono gli stessi del punto precedente;
  5. contributi per eventi di particolare gravità (sia in caso di problemi di salute oppure per decesso, o terremoto e calamità naturali, ecc): modalità analoghe negli altri casi, ma si ha la particolarità di non prevedere una somma fissa. E’ la commissione della Fondazione Enasarco che caso per caso stabilisce in che misura fornire il proprio contributo, sulla base delle spese riportate nella documentazione allegata;
  6. contributo per asilo nido, spese di istruzione dei figli (soprattutto laurea e post laurea), rimborso spese di testo dei libri scolastici, contributo su soggiorni estivi, per ricoveri in casi di cura, ecc.
  7. Approfondimento: Come richiedere un prestito d’onore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *