Prestiti Miur: quali alternative per il 2020?

Prestiti Miur: 7 domande e 7 risposte

Alcune categorie di consumatori possono accedere al credito di cui necessitano anche attraverso specifici finanziamenti agevolati, come ad esempio accade per i dipendenti del Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca). Se sei un dipendente statale appartenente al Miur, continua a leggere il seguente articolo: cercherò di rispondere alle tue principali domande sull’argomento.

Indice

  1. Cosa si intende per Prestiti Miur?
  2. Chi può richiederli e quali sono i requisiti?
  3. Cos’è il Piccolo Prestito INPS?
  4. Cosa sono i Prestiti Pluriennali diretti INPS?
  5. Come richiedere un prestito INPS?
  6. Come usufruire dei finanziamenti convenzionati Miur?
  7. Quali alternative ai prestiti Miur?

1.Cosa si intende per Prestiti Miur?

logo miur

Per Prestiti Miur si intendono tutti quei finanziamenti che presentano qualsiasi tipo di agevolazione nei confronti dei dipendenti del suddetto Ministero: docenti, personale ATA e ricercatori universitari. Appartengono a tale categoria di finanziamenti:

  • i prestiti erogati direttamente dall’INPS a favore degli iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito) in possesso dei dovuti requisiti;
  • i prestiti erogati da alcuni istituti di credito a favore del personale docente e amministrativo scolastico in seguito alla stipula di apposite convenzioni con il Ministero dell’Istruzione.

Le agevolazioni di cui si potrà usufruire possono essere diverse, ad esempio tassi più bassi rispetto a quelli di mercato, semplificazioni dell’iter burocratico o spese accessorie ridotte.

Tali prestiti agevolati assumono la forma e le modalità di rimborso tipiche della cessione del quinto dello stipendio, quindi:

  • tasso fisso;
  • rate di importo non superiore al 20% dello stipendio netto;
  • rimborso mensile a mezzo di trattenute dirette in busta paga;
  • copertura assicurativa obbligatoria.

2.Chi può richiederli e quali sono i requisiti?

immagine punti di domanda

Possono essere richiesti da tutti i dipendenti del Miur, quindi:

  • docenti delle scuole di ogni ordine e grado;
  • personale ATA;
  • docenti e ricercatori universitari.

Nel caso dei prestiti INPS (Piccolo Prestito o Prestiti Pluriennali) occorrerà anche avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato con un’anzianità di servizio di almeno 4 anni valida ai fini della pensione ed essere iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito) con regolare versamento della quota negli ultimi 4 anni. Nel caso in cui si disponesse di un contratto lavorativo a tempo determinato, per poter accedere ai prestiti INPS è necessario che la sua durata sia di almeno 3 anni e che il finanziamento richiesto si concluda entro e non oltre la fine del rapporto lavorativo.

Possono accedere ad una particolare tipologia di Piccolo Prestito INPS anche gli insegnanti e i direttori scolastici delle scuole primarie e dell’infanzia in servizio, iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale (ex ENAM), in possesso di un contratto di lavoro a tempo indeterminato e che hanno ancora da svolgere almeno altri due anni di lavoro prima di andare in pensione.

Nel caso, invece, di prestiti agevolati erogati da Istituti di credito in convenzione col Miur sarà sufficiente dimostrare tramite busta paga la dipendenza lavorativa presso il Ministero dell’Istruzione.

3.Cos’è il Piccolo Prestito INPS?

logo inps

Il Piccolo Prestito è un finanziamento a breve termine erogato dall’INPS (tramite il Fondo Credito) a favore degli aventi diritto che ne fanno richiesta. Non occorre presentare alcun giustificativo di spesa ma l’erogazione è comunque soggetta alla disponibilità presente nel Fondo, che viene annualmente stabilita dal bilancio INPS.

Si tratta di prestiti il cui importo può arrivare al massimo a 8 mensilità nette da restituire in massimo 4 anni. E’ possibile richiederne un rinnovo dopo aver rimborsato almeno la metà delle rate previste dal proprio piano di ammortamento.

Il TAN applicato è pari al 4,25% a cui vanno aggiunti:

  • un’aliquota dello 0,50% dell’importo erogato, per coprire le spese amministrative;
  • il premio da versare al Fondo Rischi il cui importo varia in base all’età del richiedente, secondo quanto riportato nelle tabelle presenti nel relativo Regolamento.

Gli iscritti alla Gestione Assistenza Magistrale (ex ENAM) possono anche accedere ad un particolare Piccolo Prestito che gode di un TAN agevolato pari all’1,50%; in più sarà dovuta un’aliquota dell’1% per spese amministrative e Fondo Rischi. La durata massima è di 24 mesi e l’importo massimo richiedibile è pari a 2 mensilità nette. Si tratta, quindi, di un piccolo finanziamento a tasso molto agevolato, che è soggetto però a limitazioni per quanto riguarda le motivazioni della richiesta. Inoltre non è cumulabile con altri prestiti concessi dalla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali.

4.Cosa sono i Prestiti Pluriennali diretti INPS?

I Prestiti Pluriennali diretti INPS sono invece finanziamenti agevolati con i quali i dipendenti Miur possono accedere a importi più elevati, rimborsabili in 5 o 10 anni. L’erogazione da parte dell’INPS è però soggetta alla motivazione per cui il credito è richiesto.

Per averne diritto occorre infatti rientrare nelle specificate casistiche riportate dal Regolamento, allegando alla domanda la documentazione che attesta lo stato di necessità oltre a preventivi e/o fatture relative alle spese da sostenere o già sostenute.

E’ possibile fare richiesta di un prestito pluriennale entro un anno dall’evento che ha determinato la necessità economica (malattia, acquisto auto, manutenzione straordinaria dell’abitazione, nascita di un figlio ed altro ancora).

Il TAN applicato è pari al 3,5% cui si aggiunge un’aliquota dello 0,5% più il premio dovuto al Fondo Rischi. La restituzione comincia due mesi dopo l’accredito dell’importo concesso sul conto corrente. Sono previste sia la possibilità di rinnovo che di estinzione anticipata.

5.Come richiedere un prestito INPS?

I dipendenti Miur devono inoltrare la domanda per un prestito INPS per via telematica, scegliendo se utilizzare il portale INPS o quello NOIPA, seguendo le indicazioni fornite ed allegando l’opportuna documentazione. Sempre tramite il portale scelto, sarà possibile monitorare l’avanzamento della pratica o ricevere delucidazioni in caso di rifiuto.

6.Come usufruire dei finanziamenti convenzionati Miur?

disegno di una banca e banconote

I dipendenti Miur, in qualità di statali, sono visti di buon grado dagli Istituti di credito che sono quindi favorevoli a stipulare convenzioni col Ministero per offrire condizioni agevolate alla categoria, perché il rimborso è considerato a basso rischio. Tali convenzioni, che possono offrire agevolazioni di vario genere, hanno però carattere temporaneo ed alle volte anche locale.

E’ quindi opportuno rivolgersi preventivamente presso la propria amministrazione di appartenenza per reperire informazioni aggiornate sulle convenzioni in corso,

così da andare a colpo sicuro e richiedere un preventivo personalizzato di cessione del quinto direttamente alle banche e finanziarie che potenzialmente offriranno le condizioni più favorevoli. Ricordati di portare con te un documento di riconoscimento valido, il codice fiscale o tessera sanitaria e le ultime due buste paga.

La cessione del quinto, solitamente, è un finanziamento leggermente più costoso di un comune prestito personale, però, proprio in virtù delle sue modalità di rimborso, permette anche ai cattivi pagatori e ai pignorati di farne richiesta con esito positivo, in quanto sarà il Miur stesso a fare da garante trattenendo a monte le rate in busta paga. Inoltre, nel caso di elevata necessità di liquidità, alla cessione può essere accostato il prestito con delega che, impegnando un ulteriore 20% dello stipendio, permette di raddoppiare il credito richiedibile, previa concessione, da parte della propria amministrazione di appartenenza, del consenso scritto ad effettuare le ulteriori trattenute .

Invece, presso le banche convenzionate con l’INPS potrai fare richiesta di un Prestito Pluriennale (quinquennale o decennale) INPS garantito, cioè erogato dalla banca in questione ma garantito dal Fondo Credito INPS. I tassi applicati non saranno concorrenziali come quelli del Prestito Diretto ma comunque più bassi di quelli di mercato. Anche in questo caso occorrerà dimostrare di rientrare nelle casistiche previste dal Regolamento.

7.Quali alternative ai prestiti Miur?

Non è detto che per i dipendenti del Ministero dell’Istruzione la soluzione migliore sia sempre il prestito agevolato. Ad esempio, se il credito serve per l’acquisto di un bene, potrebbe essere più conveniente richiedere un prestito finalizzato direttamente presso lo store in cui si intende effettuare l’acquisto, anche se non è presente un trattamento favorevole per la propria categoria di appartenenza. Catene come Euronics, Nuovarredo, Mediaworld e tante altre offrono finanziamenti in collaborazione con le principali finanziarie nazionali, proponendo periodicamente anche condizioni promozionali molto vantaggiose, come il tasso zero.
disegno di un'insegnante alla lavagna
E ancora, in presenza di un impellente bisogno di denaro potrebbe non essere possibile attendere i tempi tecnici e burocratici necessari per l’erogazione dei prestiti agevolati. In tal caso potrebbe essere opportuno valutare anche il classico prestito personale, che prevede tassi leggermente più elevati ma tempistiche più rapide. Da tenere in conto, però, che, al fine della concessione, sarà necessario disporre di un buon merito creditizio o, in mancanza di quest’ultimo, di un solido garante o fideiussore.