Come pagare il bollo auto a rate

Bollo auto – In quante rate posso pagare?

Uno dei tributi più odiati dai contribuenti è sicuramente il bollo auto, la tassa sul possesso dell’automobile che va versata dal proprietario della vettura ogni anno alla Regione in cui si risiede.

Per molti automobilisti questo tributo locale, oltre ad apparire iniquo, incide pesantemente sul budget familiare (vedi anche Assicurazione auto a rate). Per questo sono in molti a voler pagare il bollo auto a rate e si chiedono qual è la modalità per farlo. Bisogna puntualizzare subito che purtroppo l’importo del bollo auto non può essere rateizzato, a meno che non è arrivato tramite cartella di pagamento inviata dall’ente di riscossione. Non è quindi possibile pagare il singolo importo del bollo a rate, ma soltanto la cartella che si riceve successivamente (il cui importo è in genere superiore al tributo scaduto, in quanto comprende altre voci dovute come la mora e gli interessi).

Quando si può richiedere la rateizzazione del bollo auto

Ma vi è un’altra condizione che deve verificarsi per poter pagare la cartella di pagamento comprensiva del bollo in più rate: il carico tributario deve essere di almeno 120 euro. Il numero minimo di rate che si può ottenere dall’ente di riscossione è di cinque, il massimo è trenta (vedi anche Prescrizione bollo auto). Di solito all’interno della cartella di pagamento sono indicate le modalità per inoltrare la richiesta di rateizzazione all’ente di riscossione. Se così non fosse, basta chiamare gli uffici preposti per ottenere delucidazioni al riguardo. Una volta inviata la richiesta, bisogna attendere la risposta dell’ente di riscossione. Se positiva, il contribuente riceve direttamente a casa una lettera con tutti i dettagli delle singole rate con i relativi importi da pagare.

Ci sono però dei casi in cui la decisione di accogliere il pagamento del bollo auto a rate viene presa dalle singole Regioni, in base alla presenza di determinati requisiti (ad esempio una condizione economica svantaggiata, da documentare attraverso l’attestazione Isee). Conviene acquisire informazioni al riguardo presso l’Ufficio tributi della Regione di residenza (Ufficio Agenzia delle Entrate competente per territorio). Le medesime informazioni possono essere richieste alle agenzie ACI sparse sul territorio nazionale. La rateizzazione del bollo auto può essere statuita dalle Regioni tramite apposita legge regionale.

Come richiedere la rateizzazione del bollo auto

L’istanza di rateizzazione va inviata all’ente di riscossione (Equitalia) presso l’ufficio territorialmente competente tramite web oppure con raccomandata a/r. Nell’istanza va debitamente documentata la situazione reddituale ed economica che giustifica il pagamento del bollo auto a rate. Prima di inoltrare la richiesta conviene preparare un piano di pagamento se si hanno altre rate da pagare, per evitare che la rateizzazione va evasa e il beneficio viene perso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *