Prestito liquidità per privati – Quali garanzie?

Prestito di liquidità o mutuo con ipoteca?

Il prestito liquidità offre molti vantaggi in quanto la somma che viene erogata non è finalizzata all’acquisto di un bene o di un servizio e può essere spesa per qualsiasi esigenza personale. Rientra nella categoria dei prestiti personali e solitamente viene concesso per importi abbastanza contenuti, caratteristica che ne velocizza notevolmente l’iter procedurale.

Per questo motivo sono i finanziamenti che meglio si prestano a soddisfare esigenze improvvise, quali spese impreviste, riparazioni onerose o qualche acquisto per rinnovare la casa, a cui non si può far fronte. Il prestito liquidità si rivela perfetto anche quando si vuole riorganizzare la propria posizione debitoria perché magari si hanno più finanziamenti di piccola entità e di breve durata: ottenendo un unico prestito regolato da un contratto che dura di più si possono saldare i precedenti debiti, avere un’unica rata mensile e magari restare con un po’ di liquidità da spendere per altri obiettivi.

Come funziona

Per poter ottenere un prestito liquidità occorre presentarsi nella filiale della banca o nell’agenzia della finanziaria (ad esempio Findomestic, Unicredit, Agos, Compass) portando con sé la documentazione che certifica la propria capacità reddituale per il tipo di importo che si intende richiedere. In alternativa è possibile anche inoltrare la richiesta su uno dei molti siti delle banche dirette, quelle che operano esclusivamente online, allegando la medesima documentazione (come Ing Direct nota soprattutto per Conto Corrente Arancio e il deposito Conto Arancio).
Una volta verificata la reputazione creditizia del richiedente, aver ottenuto il via libera dalle varie centrali rischi ed aver appurato che il reddito presentato è sufficiente per coprire l’importo richiesto in pochi giorni solitamente la somma viene erogata.

Nel caso in cui l’importo della rata venisse considerato troppo alto rispetto all’entità del reddito è sempre possibile integrare la garanzia presentando un garante che abbia requisiti reddituali sufficienti e si accolli la responsabilità nel caso di eventuali mancati pagamenti da parte dell’intestatario. Oppure in alternativa si può richiedere un mutuo di liquidità con ipoteca su un immobile di proprietà a fare da garanzia.

Prestito liquidità anche per protestati

Nel caso la propria storia creditizia non fosse immacolata è possibile comunque ottenere un prestito se si è lavoratori dipendenti o pensionati ricorrendo ad una Cessione del Quinto.
Ricordiamo che si tratta di una particolare tipologia di prestito personale non finalizzato che permette un accesso al credito molto veloce e sicuro. La garanzia dell’entrata fissa mensile dello stipendio o della pensione, nonché l’impegno che l’azienda del lavoratore o l’ente previdenziale del pensionato si assumono di trattenere direttamente l’importo della rata dovuta e versarlo all’istituto erogante, sono infatti sufficienti per non interrogare le centrali di rischio e non verificare lo storico creditizio del richiedente.

Altri articoli: Consolidamento debiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *