Prestiti lampo – Finanziamenti da smartphone in 24 ore

Come ottenere prestiti lampo online

Un prestito lampo è quello che può essere richiesto ed ottenuto in tempo davvero molto breve, tramite finanziamenti super veloci che però non hanno bisogno di particolari caratteristiche da chi lo richiede, bensì possono essere accessibili anche a lavoratori autonomi ed a titolari di partita Iva. Esistono diversi tipi di finanziamenti lampo o “fulmine” (tra i quali non possono rientrare i cambializzati in senso stretto) vediamone qualche esempio.

Il modello dei payday loans inglesi

Uno dei trend di questi ultimi anni, soprattutto in territorio britannico, in fatto di credito al consumo si chiama “Payday loans”: si tratta, appunto, di prestiti lampo che aziende di credito concedono senza bisogno di alcuna garanzia da parte di chi lo richiede, se non la dimostrazione di essere in effettivo stato di bisogno economico.

Questi tipi di prestiti servono a sanare la difficoltà della quarta settimana, di chi insomma non arriva a fine mese. L’importo prevede somme piccole, ma il lato positivo è che esse vengono erogate immediatamente senza alcun passaggio o iter burocratico. Ovviamente un lato negativo c’è ed è rappresentato dal tasso di interesse molto alto di questo particolare microcredito, anche con una maggiorazione del 30% rispetto alla somma erogata al principio. Se poi non si riesce a pagare, il tasso purtroppo crescerà ancora di più.

Le banche italiane si affidano ad app e credito smart

In Italia il modello dei payday loans non ha mai attecchito completamente, dal momento che il concetto di prestito lampo è più ampio. Se ad esempio grandi banche come Unicredit si affidano a credito veloce e smart con codice barcode e ad app per avviare immediatamente la richiesta di una somma, anche dal proprio smartphone (vedi anche Come avere uno smartphone a rate), esistono addirittura linee di credito chiamate proprio Lampo e che sono dirette anche ai cattivi pagatori.

Persone senza garanzia di busta paga dunque, come lavoratori a Partita Iva, lavoratori autonomi o chi ha avuto episodi di non onorabilità del credito con altre banche, possono con questo tipo di prestito ottenere la somma desiderata in circa 24 ore, basta avere con sé solo carta di identità, codice fiscale e l’ultimo modello Unico.

Anche in questi casi qualche minima garanzia bisogna offrila, come un’anzianità lavorativa di almeno 24 mesi. Le somme erogate di solito superano di poco i 10.000 euro, ma il periodo di restituzione non deve oltrepassare i 12 mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *