Prestiti Inpdap per dipendenti pubblici: come richiederlo online

Prestito in convenzione Inpdap per dipendenti pubblici

I prestiti Inpdap sono pensati principalmente per i dipendenti pubblici. Sono un aiuto per far fronte a delle spese impreviste o necessarie purchè rientrino nel tabellario previsto dal regolamento (dal piccolo prestito ai finanziamenti per prima o seconda casa, come ristrutturazione, acquisto, ecc). Queste spese dovranno essere ovviamente documentate e presentate entro un anno con apposita modulistica.

Richiesta prestito Inpdap per dipendenti pubblici

Per quanto concerne la presentazione della domanda occorre ricordare che è previsto unicamente l’invio telematico.Andando sul sito dell’inps, è possibile accedere alla sezione apposita seguendo i seguenti passi. Dalla home page selezionate modulistica. Vi si aprirà una pagina con un menù sulla sinistra. Tra le voci di questo menù cliccate su gestione dipendenti pubblici. Dal sottomenù che si aprirà potrete accedere alle prestazioni creditizie e sociali. Qui troverete tutta la lista dei moduli che potrete scaricare o compilare direttamente in formato .pdf ed inviare assieme alle compravate spese sostenute.

Per l’invio della modulistica, sempre a sinistra trovate il box Invia moduli online (vedi anche Prestiti online immediati).

Registrazione obbligatoria al sito Inps

Per poter accedere a questa sezione è necessario che siate registrati sul sito. Se non l’avete ancora fatto potete richiedere il Pin. Questo codice di 16 cifre vi sarà inviato per metà tramite sms o indirizzo di posta elettronica certificata e per metà tramite posta ordinaria al vostro indirizzo di residenza.
La combinazione del vostro codice fiscale e del pin vi consentirà di accedere alla sezione di invio modulistica online.

In questo modo avrete libero accesso a tutti i servizi online compreso l’invio dei moduli per la richiesta di un prestito.

Prestiti Inpdap per insegnanti

L’Inpdap prevede, inoltre, una formula di prestito pensata per gli insegnanti ed in generale per le figure che lavorano all’interno delle strutture scolastiche. L’agevolazione riguarda sia i tassi di interesse che la tempistica di restituzione del capitale (vedi anche Miglior prestito da 10 mila euro).

Vi è, poi, una particolare forma di prestito denominato “piccolo prestito gestione magistrale” riservato agli iscritti dell’ex ente nazionale di assistenza magistrale (ENAM). Si tratta di un piccolo prestito che può ammontare al massimo a due stipendi e che può essere restituito in 24 rate al tasso annuo di interesse pari all’1.5%.

Per ottenere questa agevolazione è necessario essere ancora in attività e avere delle precise motivazioni che vanno dalla nascita di un figlio all’acquisto di un alloggio o ancora cure mediche e decessi familiari. Anche in questo caso la domanda va compilata e spedita unicamente per via telematica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *