Prestiti per giovani: i 3 migliori finanziamenti del 2018

Prestiti a giovani: guida alla scelta

La difficoltà di trovare un lavoro o quella di potersi regalare una casa, o ancora di seguire e perfezionare gli studi, possono trovare nelle agevolazioni dei prestiti giovani la risposta più adatta. Infatti concentrandosi proprio sulle difficoltà di accesso al credito, varie grandi banche (come UniCredit, Intesa Sanpaolo, Bper, Bnl, ecc) hanno creato un’offerta dedicata a una fascia di età che si colloca soprattutto tra i 18 e i 35 anni.

Per quanti riguarda i prestiti giovani per l’avvio di un’attività invece i canali più forniti di offerte possono essere quelli ‘istituzionali’ e precisamente:

  • i fondi regionali;
  • i fondi statali.

Differenze tra offerta pubblica e privata

Iniziamo subito evidenziando che rispetto a un decennio fa è diventato molto difficile trovare un prestito d’onore con finanziamento completamente a fondo perduto. Di contro l’offerta pubblica permette di realizzare due forme di “agevolazione” sicure e cioè:

  • accesso al credito senza dover fornire garanzie personali;
  • modalità di rimborso agevolate: tassi bassi e, in alcuni casi, una parte a fondo perduto.

A questi aspetti però si aggiunge quello che può essere un grande limite ovvero la mancanza di una copertura totale del costo da sostenere per avviare l’attività con percentuali che variano a seconda dei regolamenti regionali approvati con i vari bandi di assegnazione.

L’offerta privata, ovvero quella delle banche, dipende invece dalla finalità per cui si richiede il finanziamento dividendosi in:

  • prestiti giovani per spese di tipo personale (come acquisto casa, di un’auto, ecc). Questi possono prevedere condizioni agevolate ma quasi sempre passano anche per la presentazione di opportune garanzie (quindi se il giovane non ha un reddito dimostrabile probabilmente dovrà presentare un garante);
  • prestiti giovani “d’onore” per lo studio: in base ad accordi con gli atenei aderenti a specifiche convenzioni, gli studenti che hanno alcuni requisiti di merito, possono ottenere un finanziamento per proseguire con gli studi o fare percorsi di specializzazione, senza dover rimborsare il finanziamento subito e, soprattutto, senza la necessità di garanti;
  • prestiti giovani per avvio dell’attività: le banche che prevedono questa possibilità necessitano di business plan validi e possono richiedere requisiti e garanzie specifiche, che variano a seconda del tipo di richiesta, importo, clientela, ecc.

Offerta pubblica: fondi regionali e Invitalia

A livello statale i fondi sono ormai concessi tramite Invitalia, un’agenzia che è stata appositamente creata per sostenere l’avvio di nuove attività con un occhio di riguardo proprio per giovani e donne. Un esempio a maggio 2018 si ha con “Nuove Imprese a Tasso Zero”.

Come si evince dal nome il finanziamento è a tasso zero, copre fino al 75% delle spese sostenute per un importo fino a 1,5 milioni di euro. Questo fondo alla fine di marzo 2018 (Dati ufficiali Invitalia) ha già finanziato 393 iniziative per agevolazioni complessive pari a 80 milioni di euro.

Invece i fondi Regionali oggi sfruttano soprattutto la via del microcredito. Un esempio lo troviamo con Fondo Futuro della regione Lazio. Non si tratta di una novità ma di un finanziamento che è stata già usato in precedenza, riproposto con lo stanziamento di nuovi fondi. Riferendoci alla versione lanciata nella primavera del 2017 fino a esaurimento fondo è stato previsto un tasso dell’1% per somme comprese tra 5 mila e 25 mila euro di finanziamento. I giovani, anche in questo caso, sono tra le categorie destinatarie di questa iniziativa.

(Fonte: sito regione Lazio – Data 09/05/2018)

Offerta delle banche

Le banche hanno delle politiche di credito soggette alle strategie che i consigli di amministrazione decidono di seguire ma è indubbio constatare che alcuni gruppi bancari hanno mostrato costanza nel prevedere nella propria offerta dei prestiti per giovani.
Vediamo alcuni di questi esempi.

Bper: prestito agevolato fino a 35 anni

Chi rientra nei requisiti previsti da Bper può ottenere un prestito agevolato con tasso fisso che al massimo può arrivare a Taeg di 8,19% senza l‘applicazione delle spese di istruttoria. Le somme vanno da 500 a 15 mila euro per spese di tipo personale. Per avere informazioni si può usare l’opzione online mentre per la richiesta bisogna comunque recarsi in filiale.

(Fonte: sito ufficiale BPER – Data 09/05/2018)

Ubi Banca: il prestito per i grandi progetti

Con Creditopplà Grandi progetti Ubi Banca offre ai giovani la possibilità di richiedere fino a 30 mila euro, a tasso fisso (in data 8 maggio 2018 risulta pari a 6,99%) e durata fino a 84 mensilità. La base per la valutazione della richiesta è il progetto per cui si chiede il finanziamento quindi bisogna informarsi direttamente presso una delle agenzie Ubi.

(Fonte: sito ufficiale Ubi Banca)

UniCredit: spazio agli studi

UniCredit Banca ha visto campeggiare a lungo l’offerta di CreditExpress Giovani nella vasta gamma della CreditExpress, ma è soprattutto con la doppia offerta del finanziamento ad honorem che continua a puntare sul talento dei giovani.

Grazie al prestito UniCredit Ad Honorem, coloro che studiano presso le università convenzionate possono ottenere un credito fino a 27.700 euro da restituire fino a 10 mensilità. Gli atenei in questione sono:

  • Atenei Piemontesi COREP;
  • ER.GO – Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori;
  • Johns Hopkins University;
  • MIB School of Management Trieste;
  • MIP Politecnico di Milano;
  • Università di Bologna;
  • Università Bocconi di Milano;
  • Università Luiss di Roma.

Da segnalare infine la tipologia CreditExpress Master il cui importo va da 2 mila a 15 mila euro da ridare entro 8 anni.

(Fonte: sito ufficiale UniCredit – Data 09/05/2018)

Intesa Sanpaolo

Fino a 30 mila euro da rimborsare al massimo entro 10 anni, con tasso agevolato (fino al 31 maggio al 6,25%). Non sono previste spese di comunicazione mentre quelle di istruttoria sono pari all’1%.

(Fonte: sito ufficiale Intesa Sanpaolo – Data 09/05/2018)

Conclusioni

I prestiti giovani oggi sono una realtà consolidata, anche se non sempre sono realmente accessibili senza qualche difficoltà. Se si ha bisogno di un finanziamento per l’avvio dell’attività i canali pubblici rimangono, ancora oggi, la soluzione migliore, per cui è consigliato andare periodicamente sul canale di Invitalia e su quello della propria Regione.

Approfondimenti: Ho bisogno di soldi urgentemente, Carte revolving senza reddito dimostrabile, Come ottenere subito un prestito di 10000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *