Prestiti carabinieri – Lista banche e finanziarie convenzionate

Prestiti personali carabinieri: quale scegliere?

Ricorrere a finanziamenti per acquistare beni e servizi è diventata negli ultimi anni una modalità molto utilizzata. Fare parte delle Forze Armate consente di accedere ad agevolazioni particolari riservate a tali categorie: i prestiti per Carabinieri, ad esempio, possono essere ottenuti sfruttando determinate corsie preferenziali grazie alla convenzione stipulata tra il Ministero della Difesa e l’Inpdap.

L’appartenenza all’Arma dei Carabinieri costituisce una garanzia non indifferente, sufficiente per tutelare il richiedente; per ottenere il prestito infatti basta avere un’anzianità di servizio di almeno 12 mesi e presentare la propria busta paga, utilizzando sia i canali telematici sia recandosi direttamente presso gli sportelli delle agenzie di quegli istituti di credito che propongono particolari agevolazioni sui prestiti per carabinieri, come la BNL, ad esempio, molto attiva nel settore.

Agevolazioni principali

Sono numerose le agevolazioni riservate ai prestiti per carabinieri e nello specifico segnaliamo le caratteristiche più interessanti di questi prodotti:

  • tasso agevolato;
  • nessuna spesa di istruttoria;
  • nessuna spesa per comunicazioni o incasso rata;
  • nessuna spesa per tasse o bolli statali;
  • nessuna motivazione richiesta;
  • durata del contratto fino a 120 mesi;
  • non c’è necessità di un garante;
  • erogazione veloce;
  • possibilità di ottenere un anticipo;
  • facilità di ottenere un prestito per Consolidamento Debiti.

Cessione del Quinto e prestito Delega

Il prestito per carabinieri viene erogato principalmente tramite la Cessione del Quinto, ovvero quel particolare tipo di finanziamento che a fronte della cessione automatica di una parte dello stipendio, fino ad un massimo di ⅕ del totale, permette di ottenere somme anche elevate senza dover produrre particolari garanzie. Sono le rate stesse infatti che venendo detratte direttamente dallo stipendio hanno la funzione di garantire l’istituto erogante sulla solvibilità del richiedente. La Cessione del Quinto può essere richiesta sia dai dipendenti che dai pensionati: l’unico limite previsto è dato dall’età che non può superare gli 85 anni nel momento in cui termina il contratto di finanziamento (con Bnl si può arrivare a 90 anni).

Nel caso si presenti la necessità di ottenere ulteriore liquidità, il militare appartenente all’Arma dei Carabinieri può richiedere un ulteriore finanziamento, il Prestito Delega.
Riservato esclusivamente ai dipendenti ha lo stesso funzionamento della Cessione, ovvero la rata viene pagata direttamente dal Ministero della Difesa che trattiene la somma dovuta dallo stipendio del sottoscrittore, ma in questo caso è possibile raggiungere fino al 40% della retribuzione al netto, corrispondente ai ⅖ dello stipendio.

Consolidamento Debiti

Il prestito personale per carabinieri in convenzione con l’Inpdap permette di avere un facile accesso anche al Consolidamento Debiti, quel finanziamento che consente di rinegoziare i tempi e gli importi di un debito o più debiti già in essere accorpandoli in un unico prestito più vantaggioso (vedi anche Rinnovo cessione del quinto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *