Fido Widiba – Guida alla richiesta online

Fido Widiba – Quali documenti sono richiesti?

Il modo dei servizi offerti da Widiba prevede una presenza per quasi ogni tipologia di prodotto e/o servizio bancario collegato. In quest’ottica al conto corrente è collegata la possibilità di richiedere un fido, che Widiba concede se si rispettano alcuni requisiti fondamentali.

Requisiti e condizioni applicate

Il primo requisito è logicamente rappresentato dalla necessaria titolarietà di un conto corrente Widiba, anche perché la richiesta deve passare forzatamente tramite l’internet banking. Bisogna poi inviare alla banca, per consentire l’istruttoria, una serie di documenti che possono variare a seconda che:

  • si faccia richiesta di affidamento in conto corrente per importi inferiori a 75 mila euro;
  • apertura di credito in conto corrente superiore a 75 mila euro;
  • richiesta di variazione del fido.

Per ogni ipotesi è prevista la possibilità di poter presentare dei garanti, così da poter aumentare gli importi che Widiba può essere disposta a concedere come fido, ferma restando la sua facoltà di decidere a favore o meno di una qualsiasi richiesta.

In generale vale il principio in base al quale non c’è un collegamento diretto e restrittivo tra l’eventuale importo di stipendio o pensione percepito ed accreditato sul conto Widiba. La cifra concessa come fido terrà infatti conto anche di altre fonti di reddito, purché dimostrabili, oltre che dei garanti presentati nelle richieste. Tuttavia è pressoché necessario disporre l’accredito degli emolumenti (stipendio, pensione, ecc) per aumentare le possibilità che la somma richiesta venga accordata (senza tuttavia avere alcuna garanzia).

Da sottolineare infine la possibilità di richiedere il fido ‘garantendolo’ attraverso strumenti finanziari o meglio titoli offerti in garanzia. Questi devono coprire interamente l’importo concesso a meno che Widiba stessa non decida di applicare eventuali scarti ‘ad personam’.

Condizioni

Le condizioni variano in primis a seconda dei tassi di mercato. Oltre a questo ci possono essere delle differenze a seconda che si richieda un’apertura di credito in conto corrente superiore o inferiore ai 75 mila euro. Per essere aggiornati sui tassi applicati e le commissioni (in ogni caso omnicomprensive) si deve controllare l’ultimo foglio informativo approvato presente sul sito ufficiale Widiba. Ad esempio al 10 aprile 2018 i costi previsti sono:

  • commissione su corrispettivo accordato: 0,5% trimestrale;
  • spese di comunicazione: 50 centesimi.

Il tasso è sempre in tale data pari al 7% più euribor a tre mesi se non si usa lo scoperto garantito da pegno su titoli, altrimenti lo spread dal 7% si dimezza (3,5% più euribor a tre mesi). Il tasso per quanto riguarda i primi mesi del 2018 rimane lo stesso, indipendentemente dall’importo concesso come fido, così come le condizioni e i costi accessori come si evince dai fogli informativi disponibili sempre al 16 aprile 2018.


Documenti necessari

Da allegare alla richiesta di fido Widiba sono necessari come documenti:

  • fotocopia di un documento di identità;
  • copia del codice fiscale o tessera sanitaria;
  • copia ultima dichiarazione dei redditi (quindi sono accettati Modello Unico per gli autonomi, e Modello 730 o CUD per pensionati o dipendenti);
  • in caso di dipendenti copia originale della certificazione del datore di lavoro dell’anzianità di servizio, mentre per professioni l’iscrizione all’Albo e per gli autonomi Estratto Camera di Commercio;
  • ultime due buste paga o cedolini della pensione;
  • per gli stranieri anche la copia del permesso di soggiorno.
  • utenza intestata al richiedente il fido che deve risultare pagata in modo regolare.

Tali documenti sono ‘caricabili’ direttamente online grazie alla funzione proposto oppure possono presentati in modo cartaceo ad una delle filiali Mps.

Attenzione: ribadiamo ancora una volta che la presentazione di una documentazione in “regola” non assicura la concessione del fido. Widiba, alla pari di un finanziamento, eseguirà un’istruttoria e deciderà in modo insindacabile sull’eventualità di concedere o meno il fiso.

Questo viene concesso di norma a tempo indeterminato con revoca. Quindi in qualsiasi momento la banca può decidere di revocare la messa a disposizione dello scoperto. Queste stesse regole valgono anche in caso di richiesta di variazione dell’importo di fido concesso in precedenza, per il quale si deve compilare l’apposito modulo scaricabile dal sito ufficiale Widiba.

Approfondimento: Guida alla richiesta di prestiti veloci.

Come avviene la richiesta?

Il primo passaggio, come detto, è quello di aprire un conto corrente Widiba. Si tratta di una procedura non complessa, ma che tuttavia può richiedere alcuni giorni per le procedure di riconoscimento (possibile sia con webcam che è più rapida, che con bonifico online da un conto che deve essere intestato al richiedente l’apertura).

E’ consigliato procedere con l’accredito dello stipendio con qualche mese di anticipo rispetto a quello in cui si provvederà alla richiesta del fido. A questo punto, per procedere con la richiesta, si dovrà:

  • entrare nell’internet banking loggandosi;
  • selezionare la sezione prestiti;
  • cliccare sulla voce del fido;
  • seguire le istruzioni per la compilazione degli spazi obbligatori.

Approfondimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *