Cessione del quinto Findomestic: 3 motivi per evitarla!

Cessione del quinto di Findomestic Banca: conviene?

I dipendenti del settore pubblico e privato oltre che i pensionati possono prendere in considerazione la richiesta della cessione del quinto Findomestic. Per i dipendenti del settore pubblico ci sono inoltre delle agevolazioni soprattutto a livello di tassi in virtù di alcuni convenzioni. Tuttavia per chi è in attività è necessario avere un contratto a tempo indeterminato a differenza di altre società, come ad esempio Fiditalia, che valutano questo tipo di prodotto anche per chi ha contratti a tempo determinato. Per i pensionati è in vigore la convenzione con l’Inps.

Che particolarità hanno le cessioni?

La cessione del quinto dello stipendio è una delle forme più comode di prestito presenti nel fitto mercato del credito. La praticità e la semplicità sono alla base di uno strumento che le banche e le finanziarie prediligono: le garanzie reali, infatti, vengono ottenute già al momento della domanda, grazie alla busta paga del richiedente.

Non solo: una volta ottenuto il prestito, è il datore di lavoro ad avere l’onere di versare verso l’istituto erogatore le rate mensili. Per queste ragioni, legate agli aspetti della sicurezza di rimborso, la cessione del quinto dello stipendio è proposta con forza da numerosissime finanziarie e banche, compresa Findomestic.

A riguardo non possiamo trascurare che questa banca fa parte del gruppo Bnp Paribas, al quale appartiene anche Bnl, che vanta una lunga tradizione di convenzioni dedicate soprattutto a chi lavora nel settore pubblico. Per questi ultimi non ci sono esempi sul sito Findomestic, ma bisogna rivolgersi alla propria amministrazione (ad esempio sull’intranet) per conoscere le condizioni del momento o usare il sistema NoiPa.

Per i dipendenti privati e pensionati è invece possibile riferirsi ad esempi pratici proposti dallo stesso sito ufficiale che variano a seconda del momento. Nel particolare al 13-04 2018, nel caso di un dipendente per un importo di 13 mila euro richiesti e durata di 10 anni, il tasso Taeg è pari al 6,11%. Nella tabella i dati più nel dettaglio:

Importo richiesto 13.000 euro
Importo restituito in totale 17.280 euro
Rata mensile 144 euro
Tan 5,95%
Taeg 6,11%

Per quanto riguarda i pensionati alla stessa data viene proposta una simulazione basata su una cifra di 12 mila euro da restituire in 10 anni. In questo caso avremo:

Importo richiesto 12.000 euro
Importo restituito in totale 16.320 euro
Rata mensile 136 euro
Tan 6,46%
Taeg 6,65%

Condizioni economiche

I tassi proposti dalla banca appartenente al gruppo francese variano in funzione:

  • della situazione del mercato dei tassi;
  • del richiedente (dipendente o pensionato);
  • dal possibile accesso a specifiche convenzioni.

Solitamente non sono applicati costi accessori come: costi di istruttoria, imposta di bollo (comunicazioni e sostitutiva) o spese di gestione della pratica. (Fonte: sito ufficiale Findomestic – Data: 13/04/2018)

Per quanto riguarda i tassi, se ci si vuole fare un’idea sul livello applicato, dovendo comunque passare prima per una richiesta del preventivo, si può controllare la tabella dei tassi medi presente sul sito ufficiale per fare un semplice confronto.

Ad esempio, secondo la tabella per la cessione del quinto i tassi medi applicati fino a fine dicembre 2017 sono stati di 11,75% per importi inferiori a 15 mila euro e 8,83% per importi superiori a 15 mila euro (Data rilevazione: 13/04/2018 – Fonte: sito ufficiale Findomestic). Ovviamente la scelta probabilmente migliore è quella di chiedere più preventivi con più società e fare un confronto tra i vari risultati.

Come ottenere un preventivo on line?

E’ possibile ottenere il preventivo on line, e cliccando sul pulsante verde Fai Richiesta presente sul sito Findomestic

Successivamente bisognerà compilare in tutti gli spazi obbligatori il form di richiesta

Bisogna inserire con precisione tutti i dati, soprattutto quelli sul datore di lavoro o amministrazione (oppure ente pensionistico per i pensionati). Una volta inviato il tutto, secondo quanto affermato dal sito ufficiale, i tempi di risposta sono relativamente brevi: il tempo di risposta non è quantificabile a priori visto che le esperienze personali raccolte sui forum sono anche molto variabili.

La risposta di Findomestic, con il preventivo non sarà logicamente vincolante. Se invece si vorrà procedere nell’e-mail saranno riportate le informazioni su come formalizzare la richiesta. Si deve comunque ricordare che la durata del preventivo è limitata e che bisognerà prendere una decisione entro la data di validità riportata nel preventivo stesso.

A chi rivolgersi?

Come già detto il primo passo può essere fatto on line. Tuttavia ci si può rivolgere fin dalle prime battute anche a un’agenzia Findomestic previo appuntamento oppure a un consulente (o mediatore abilitato) regolarmente iscritto allo OAM. Per trovare l’agenzia più vicina si può andare sul sito Findomestic e nell’apposita sezione compilare lo spazio con la propria Regione d’interesse.

A questo punto è sufficiente selezionare quella ubicata all’indirizzo più comodo da raggiungere e cliccarci sopra così da conoscere i dati necessari che riguardano gli orari e i numeri da contattare per chiedere informazioni oppure fissare già un appuntamento.

Sempre online, una volta ottenuto il prestito, può essere richiesta una copia del proprio contratto. Questo potrà avvenire accedendo alla sezione preposta dell’area clienti oppure compilando il form presente alla pagina dedicata del sito Findomestic che necessiterà l’inserimento di pochi semplici dati.

Prodotti Findomestic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *