Bonus Verde 2018 – Guida alle detrazioni fiscali

Bonus Verde – Ecco tutte le spese ammesse in detrazione

L’art. 1 della Legge di Bilancio 2018, pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 29 dicembre 2017, conferma anche se con qualche variazione e novità, il pacchetto di agevolazioni fiscali dedicate a chi ristruttura e/o riqualifica il proprio immobile.

Nello specifico introduce il cosiddetto “Bonus Verde”, misura fiscale normata dai commi 12-13-14-15 e successive modificazioni del suddetto art.1, si permette al contribuente di portare in detrazione IRPEF il 36% di spese certificate per interventi atti a “risistemare le aree verdi” di un immobile ad uso abitativo. Il tetto massimo fissato della legge è pari a 5.000,00 € di spese effettuate nel 2018 per ogni unità immobiliare e, dunque, una detrazione massima di 1.800,00 € da ripartirsi in 10 anni.

Interventi ammessi

Diciamo subito che il testo della norma è generale e dà adito a qualche dubbio soprattutto riguardo cosa comprende effettivamente il Bonus e quindi quali sono i lavori agevolabili.

Il comma 12, infatti, parla di interventi di “sistemazione a verde”, di “realizzazione di impianti di irrigazione, di pozzi, di coperture a verde e di giardini pensili”; il comma 14, inoltre, consente di detrarre anche le “spese di progettazione e manutenzione” connesse agli interventi permessi dal comma 12.

Il comma 13, infine, chiarisce che l’agevolazione è concessa anche per interventi su parti condominiali (Approfondimento: Guida al prestito condominiale). Questo significa che un singolo contribuente intestatario di due unità immobiliari diverse, magari una privata e una condominiale, può detrarre il 36% su un totale di spesa di 10.000,00 € e un importo complessivo detraibile di 3.600,00 €, ripartito in due pratiche distinte.

Da Telefisco 2018, il Convegno Mondiale, giunto alla 27° Edizione, promosso da Il Sole 24 Ore in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, arrivano, però, le prime delucidazioni: non sono agevolabili gli interventi “in economia”, quelli fatti dal privato stesso, e le manutenzioni annuali, in quanto incompatibili con la natura di interventi di sistemazione “straordinaria” o “ex-novo”.

A essere sinceri l’obbligatorietà che gli interventi agevolabili non possano riguardare sistemazioni verdi già preesistenti è emersa durante lo svolgimento di Telefisco, in quanto, in effetti, il testo originale del DLL è ambiguo e interpretabile anche in altro modo.

In quest’ottica, dunque, sono escluse le spese di acquisto di piante in vaso, a meno che non siano ricadenti all’interno di un intervento di risistemazione ampio e strutturato di un giardino o di un terrazzo; non si possono, quindi, detrarre i costi relativi al mero acquisto di piante in vaso annuali.

Non è così improbabile che siano in arrivo ulteriori chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Fonte Il Sole 24 Ore

Bonus Verde: come si paga?

Altro capitolo importante è quello relativo alla modalità di pagamento; si deve, in questo caso,fare riferimento al comma 15, dove è genericamente indicato che deve essere eseguito con “strumenti idonei per consentire la tracciabilità”.

Inizialmente si era, dunque, pensato che tale strumento fosse il cosiddetto “bonifico parlante”, il metodo di pagamento specificatamente studiato per poter ottenere le agevolazioni fiscali sulle ristrutturazioni edilizie ( approfondimento Finanziamenti finalizzati alla ristrutturazione casa) e che deve essere eseguito compilando l’apposito modello su cui devono essere riportati alcuni dati obbligatori, come, ad esempio, il numero di fattura, il nome della ditta che ha eseguito i lavori e il codice fiscale del beneficiario dell’agevolazione .

l’Agenzia delle Entrate ha, però, chiarito che il pagamento può essere effettuato anche con assegni, carta di credito, carta di debito e bonifico ordinario; ciò comporta che non debba essere versata la ritenuta d’acconto dell’8% da parte degli istituti finanziari, obbligatoria, invece, per i bonifici parlanti.
Se si sono, dunque, già effettuati lavori e interventi dal momento dell’entrata in vigore del Bonus Verde, ovvero dal 1° gennaio del 2018, possono tutti essere ancora agevolati, se rispondenti ai requisiti illustrati nel capitolo precedente, purché non siano stati pagati in contanti.

Fonte Fisco e Tasse

Conclusioni

Riassumiamo le caratteristiche principali del Bonus Verde:

  • si tratta di un’agevolazione fiscale il cui oggetto è l’unità immobiliare ad uso abitativo, o porzione di essa in caso di condomìni e non la persona fisica; se, dunque, un contribuente interessato all’agevolazione, proprietario, conduttore o comodatario che sia, sostiene spese su diversi immobili, ha diritto a più detrazioni
  • gli interventi agevolabili sono tutti quelli utili alla sistemazione di aree verdi private e condominiali – terrazze, giardini e balconi -, al recupero di giardini di interesse storico, all’installazione di piante, anche in vaso, purché ricadenti all’interno di un intervento di recupero straordinario o ex novo, lavori necessari per trasformare aree incolte in aiuole o prati, rifacimento di impianti di irrigazione e spese di progettazione e manutenzione connesse con gli interventi ammessi
  • i pagamenti devono essere eseguiti nel corso del 2018 attraverso bonifici parlanti, bonifici ordinari, assegni, transazione con carta di credito o di debito, ossia con qualsiasi strumento che risulti tracciabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *