Bonus Mamma – Come ricevere gli 800 euro del premio nascita

Bonus mamma domani: tempi e modalità di richiesta

Il “premio nascita” noto principalmente con il nome bonus mamma domani permette alle neo mamme di ottenere un contributo una tantum pari ad 800 euro. Data la caratteristica non continuativa si tratta di un tipo di contributo che non viene assoggettato ad alcuna imposta o ritenuta e, se richiesto da una mamma in stato di disoccupazione, non ne porta una variazione dello status.

Questo contributo spetta alle madri a partire dal 1 gennaio 2017 e presenterà le stesse condizioni per tutto l’anno in corso. Per il 2018 è invece necessario fare delle valutazioni differenti legate in primis alla sua ‘riconferma’ nella finanziaria del prossimo anno.

Requisiti necessari

In modo molto sintetico per maturare il diritto bisogna avere concluso il settimo mese di gravidanza ed essere cittadino italiano oppure residente in Italia. Questo bonus potrà essere richiesto anche dalle mamme comunitarie oppure da quelle extracomunitarie che devono però dimostrare di avere un regolare permesso di soggiorno. In alternativa ne possono fare domanda anche le mamme non comunitarie che abbiano però riconosciuto lo status di rifugiato politico o un’assistenza sussidiaria. Le stesse condizioni valgono anche nel caso di affido e di adozione di un bambino nell’arco di tutto l’anno in corso (2017).

C’è poi da considerare la data massima che dovrà essere rispettata per fare la richiesta. Il diritto matura infatti dal compimento del settimo mese di gravidanza ma non è necessario fare immediatamente la richiesta. Tale possibilità rimane possibile fino al compimento di un anno di età del bambino. Se si supera questo termine si perde irrevocabilmente il diritto a richiederlo. Tuttavia c’è una piccola eccezione dovuta al ritardo con cui la legge applicativa è entrata in vigore, che decorre fattivamente dal 4 maggio. Per cui ci sono 4 mesi che vengono aggiunti alla data di compimento dell’anno per chi è nato prima di tale data.

Se si ha una gravidanza gemellare il bonus spetterà per ogni bambino. Questo contributo è infatti ‘per bambino’ e non ‘per evento’ (non è legato cioè al parto od alla sola pratica di adozione, ecc).

Come si fa la richiesta?

L’erogazione è a cura dell’Inps e la prima cosa da fare è quella di compilare l’apposita modulistica. Ciò può essere fatto tramite il portale dell’Inps stesso, andando ad un Caf oppure tramite i numeri di telefono messi a disposizione sempre dall’ente stesso (in linea generale si dovrà quindi usare un canale telematico). Le preferenze nella scelta saranno dettate da:

  • Caf: bisogna rivolgersi ad un patronato che è abilitato ai servizi telematici;
  • Inps sul portale: bisogna avere il pin dispositivo (questo viene rilasciato immediatamente nelle varie sedi territoriali Inps presentando l’apposito modulo di richiesta e una copia di un documento di riconoscimento);
  • Inps via telefono. Si dovranno obbligatoriamente usare le seguenti numerazioni: 803 164 che è il numero verde del contact center (senza costi da telefono fisso), oppure lo 06 164 164 per chi chiama con cellulare (si segue il costo della tariffazione dovuta al proprio piano tariffario).

Certificati necessari

Oltre al modulo di domanda è logicamente necessario dimostrare lo stato di gravidanza, l’avvenuto affido o adozione entro i termini previsti dal bonus mamma. Queste situazioni vengono dimostrate facilmente con:

  • certificato medico che attesta il raggiungimento del compimento del settimo mese di gravidanza e la data presunta del parto (nel caso di parto gemellare oltre a questo certificato serve anche la documentazione che dimostra il numero di bambini);
  • documentazione rilasciata dal tribunale (decreto del tribunale dei minori) per le ipotesi di affido oppure di adozione;
  • autocertificazione nel caso di parto già avvenuto.

Se si raggiunge la fine del settimo mese di gravidanza ma questa non giunge al termine si deve darne prova con il certificato che attesta l’interruzione di gravidanza.

Come si presentano i documenti?

La domanda ‘iniziale’ è telematica ma poi deve essere inviata la documentazione cartacea che dà prova dei requisiti che si possiedono. Tutti i documenti vanno inviati in cartaceo con la lettera A/R. In particolare bisogna presentare:

  • il certificato di gravidanza (in una busta chiusa con riportata la dicitura “Documentazione domanda di Premio alla nascita – certificazione medico sanitaria” ed il numero di protocollo assegnato con la domanda telematica);
  • il numero di protocollo certificato del medico SSN o Asl;
  • eventuali codici di esenzione come M31 a M42 (madri non lavoratrici).

I certificati vanno in generale dati in copia originale ma in alcuni casi è ammessa quella autenticata. Alcune in formazioni possono essere autocertificate come nel caso di:

  • parto già avvenuto;
  • data di ingresso in famiglia (solo per adozione o affido);
  • permesso di soggiorno.

Come avviene il pagamento?

Ci sono differenti opzioni che possono essere scelte tranne la riscossione con ritiro di un assegno presso le sedi Inps (viene privilegiato l’accredito su un rapporto bancario oppure postale). Se non si ha un rapporto bancario o postale per l’accredito si dovrà scegliere come metodo di riscossione la domiciliazione postale. Se si può o si vuole l’accredito (in questo caso bisogna inviare il mod SR163), sono accettati come sistemi:

  • uso di carta prepagata con Iban (abilitata ai trasferimenti ed accrediti in entrata);
  • conto corrente postale;
  • conto corrente bancario;
  • libretto postale.

Approfondimento: Assegno sociale.

Problemi e ritardi: cosa fare?

Non è stata prevista una tempistica minima o massima per la lavorazione delle domande e per il pagamento dell’importo dovuto. Si possono verificare ritardi dovuti a un volume di domande molto elevato, al fatto che la pratica riporti dei dati sbagliati oppure mancanti, oppure a causa di accertamenti da parte dell’Inps o delle autorità competenti.

Se si teme che la domanda non sia stata esattamente compilata oppure che manchi qualche dato o documento si dovrà avere la pazienza che l’Inps contatti il titolare della domanda stessa per apportare gli aggiustamenti richiesti. In tutti i casi per conoscere lo stato di avanzamento della domanda bisogna recarsi presso il Caf che ha fatto la domanda, oppure usare il pin dispositivo ed entrare nell’area personale e poi nella zona del bonus mamma per accertarsi della situazione.

Cosa succede ai nati nel 2018?

Ricapitolando: il testo del bonus mamma dice che o si diventa mamma per l’adozione o l’affido a partire dal 1 gennaio 2017 oppure ‘attraverso’ una gravidanza nel corso dell’anno stabilendo a riguardo un’altra condizione obbligatoria. Il bonus infatti spetterà alle mamme che compiono il settimo mese di gravidanza nel corso del 2017. Da ciò che riporta il testo quindi se il settimo mese viene compiuto nell’anno in corso non ha alcuna importanza che il bimbo nasca nei primi mesi del 2018.

Altri articoli: Bonus Bebè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *